Sitemap
  • Ogni giorno negli Stati Uniti muoiono 17 persone in attesa di una donazione di organi.
  • La ricerca mostra potenziali svantaggi del tradizionale metodo di conservazione a freddo per gli organi donati.
  • In una prima, il team di ricerca Liver4Life a Zurigo, Svizzera, riporta il successo del trapianto di un fegato conservato in una macchina per perfusione per tre giorni in un ricevente umano, che sta bene un anno dopo.

Il trapianto di organi è una procedura medica molto complicata.L'organo deve essere compatibile con il ricevente e il processo prevede anche lo spostamento di un organo vivo da donatore a ricevente e il mantenimento dell'organo in funzione fino all'intervento chirurgico.

Il metodo tradizionale per spostare gli organi trapiantati prevede la loro conservazione a una temperatura molto bassa.Tuttavia, questo processo ha un limite di tempo e può danneggiare i tessuti degli organi.

Per questo motivo, gli scienziati stanno lavorando a nuovi modi per mantenere vitali gli organi donati senza l'uso del freddo estremo.

Uno di questi gruppi è il team di ricerca Liver4Life a Zurigo, in Svizzera, che ha utilizzato una macchina per la perfusione per mantenere in vita un fegato umano per tre giorni.

I medici hanno quindi impiantato il fegato in un paziente umano, che ora, un anno dopo la procedura, starebbe bene.

I risultati di questa procedura sono apparsi di recente sulla rivistaBiotecnologie della natura.

Trapianto d'organo tradizionale

Secondo la United Network for Organ Sharing, nel 2021 si sono verificati più di 41.000 trapianti negli Stati Uniti.Il fegato è il secondo organo più comunemente trapiantato dopo il rene.

Ogni 9 minuti, una persona viene inserita in una lista d'attesa per il trapianto di organi.Sebbene l'UNOS riporti che la percentuale di persone che donano i propri organi è aumentata, c'è ancora una carenza di organi disponibili.

E una media di 17 persone muoiono ogni giorno in attesa di un trapianto d'organo.

Tradizionalmente, gli organi prelevati spostati per il trapianto sono tenuti in atemperatura molto fredda. Questo processo è chiamatotempo di ischemia fredda.

Diversi organi possono essere conservati in celle frigorifere per diverse lunghezze prima che i loro tessuti inizino a rompersi.Ad esempio, il tempo di ischemia fredda di un cuore è di 4-6 ore, mentre un rene dura molto più a lungo, per 24-36 ore.Il fegato può essere conservato in cella frigorifera tra le 8 e le 12 ore.

Per quanto riguarda il fegato, ricerche passate mostrano che un tempo prolungato di ischemia fredda può danneggiare il trapianto di fegato.Altre ricercheha scoperto che il tempo di ischemia fredda estende la degenza ospedaliera post-trapianto di un paziente.

Cos'è una macchina per perfusione?

I ricercatori stanno studiando le macchine di perfusione come metodo alternativo per conservare gli organi al di fuori del corpo.La macchina imita le funzioni del cuore e dei polmoni del corpo, pompando sangue e ossigeno nell'organo.

Inoltre, i professionisti medici somministrano un cocktail di ormoni e sostanze nutritive all'organo, proprio come riceverebbe dall'intestino e dal pancreas nel corpo.

prof.Pierre-Alain Clavien, presidente del Dipartimento di Chirurgia Viscerale e Trapianti presso l'Ospedale Universitario di Zurigo (USZ) Svizzera, e l'autore principale di questo studio, ha affermato che la macchina per perfusione conserva un innesto di fegato non per poche ore ma per diversi giorni.

"Ciò rende possibile trasformare il trapianto di fegato da un'operazione di emergenza a un'operazione elettiva", ha spiegato per Medical News Today. "In secondo luogo, un tempo così lungo sulla macchina di perfusione consente un trattamento approfondito del fegato prima del trapianto, che finora non era possibile".

"Ci sono molti modi in cui la macchina per perfusione può essere utilizzata",prof.Clavien ha aggiunto. “L'obiettivo principale è curare i pazienti offrendo loro un buon innesto o anche un segmento di fegato rigenerato per l'autotrapianto dopo il trattamento. [È anche] molto interessante la possibilità che questa piattaforma offre per studi tossicologici senza la necessità di probandi umani".

Guardando verso il futuro

Per quanto riguarda i prossimi passi in questa nuova tecnologia, il Prof.Clavien ha affermato che il suo team sta attualmente pianificando uno studio clinico multicentrico per il trapianto di innesti di fegato conservati a lungo termine sul loro dispositivo di perfusione.

Crede anche che la tecnologia della macchina di perfusione potrebbe un giorno essere utilizzata per altri organi. "Questa tecnologia è teoricamente adatta a tutti gli organi trapiantati oggi, anche se sarebbe necessario apportare alcune modifiche al circuito",Clavien ha spiegato.

"In particolare, siamo anche interessati alla perfusione del rene e dell'utero, che ha già dimostrato di essere fattibile nei nostri esperimenti preclinici", ha aggiunto.

MNT ha parlato anche con il Dott.Robert S.Brown, Jr., Vincent Astor Distinguished Professor of Medicine e capo della Divisione di Gastroenterologia ed Epatologia presso Weill Cornell Medicine, su questo studio.

Ha detto che la perfusione meccanica degli organi ha un enorme potenziale per aumentare il numero di organi disponibili per il trapianto:

“Queste lunghe durate offrono davvero la possibilità di prendere un organo che funzionerebbe, ma nessuno si fida che funzioni, e aumentano la fiducia che funzionerebbe. E una futura capacità di manipolare forse anche l'organo con i farmaci o […] una futura terapia genica per poi prelevare organi non trapiantabili e renderli trapiantabili”.

“Ciò ha il potenziale per avere un grande impatto sul paziente in termini di aumento dell'accesso agli organi rendendo disponibili più organi per i trapianti e di aumento della qualità degli organi prelevando organi precedentemente non trapiantabili e rendendoli trapiantabili, o marginalmente trapiantabili e trasformandoli in buoni organi”,prof.Marrone aggiunto.

"Lo considero un'entusiasmante dimostrazione del concetto che necessita di ulteriore convalida, ma se convalidato sarebbe un grande passo avanti".

Tutte le categorie: Blog