Sitemap
Condividi su Pinterest
Gli scienziati hanno trovato prove che alcune vitamine del gruppo B possono aiutare a ridurre i sintomi dell'ansia. berkpixel/Getty Images
  • I ricercatori hanno studiato l'impatto delle vitamine B6 e B12 per vedere in che modo entrambe le vitamine possono agire nel ridurre i sintomi di ansia e depressione.
  • I partecipanti allo studio hanno assunto dosi elevate della loro vitamina assegnata per circa un mese.
  • I partecipanti che hanno assunto vitamina B6 hanno visto una riduzione statisticamente significativa dei sintomi di ansia, indicando un migliore funzionamento del GABA, il neurotrasmettitore associato al calmante e al rilassamento.

Tutti possono sentirsi ansiosi o tristi a volte.Tuttavia, alcune persone possono sperimentare livelli di interruzione della vita di queste emozioni su base regolare, trasformandosi in un disturbo di salute mentale che richiede un trattamento.

I ricercatori dell'Università di Reading nel Regno Unito hanno studiato come la vitamina B6 e la vitamina B12 possono influire sui livelli di ansia e depressione.

Le vitamine B6 e B12 sono presenti in alimenti come ceci e tonno, ma il team di ricerca ha testato le vitamine a livelli molto più elevati di quelli che si trovano negli alimenti.

I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivistaPsicofarmacologia umana: clinica e sperimentale.

Fatti veloci sulla salute mentale

I disturbi d'ansia e dell'umore possono colpire persone di tutte le età, dai bambini agli anziani.Esistono diversi tipi di disturbi che rientrano nell'ombrello dei disturbi d'ansia, inclusi il disturbo di panico, il disturbo d'ansia generalizzato e il disturbo d'ansia sociale.

Secondo ilIstituto Nazionale di Salute Mentale(NIMH), circa il 31% degli adulti negli Stati Uniti sperimenta un disturbo d'ansia ad un certo punto della propria vita.Inoltre, circa la stessa percentuale di giovani adulti (di età compresa tra 13 e 18 anni) soffre di un disturbo d'ansia.

IlNIMHriporta che circa l'8,4% di tutti gli adulti negli Stati Uniti ha vissuto un episodio depressivo nel 2020, rendendo la depressione una delle condizioni di salute mentale più diffuse.

I medici spesso scelgono di trattare l'ansia e i disturbi dell'umore con una combinazione di terapia e farmaci.La terapia cognitivo comportamentale e la terapia dialettica comportamentale sono due opzioni terapeutiche popolari.

Esistono numerosi trattamenti prescritti per l'ansia, comprese le benzodiazepine (come Xanax o Ativan) e il buspirone.Inoltre, alcuni antidepressivi possono aiutare a trattare sia l'ansia che la depressione, tra cui gli SSRI (come Lexapro o Zoloft) e i triciclici (come Anafranil o Tofranil).

Le persone con ansia e depressione provano occasionalmente anche trattamenti naturali per migliorare i loro sintomi e usano integratori a base di erbe come ashwagandha e valeriana.

Grandi quantità di B6, B12

I ricercatori volevano sapere fino a che punto le vitamine B6 e B12 possono influenzareacido gamma-aminobutirrico(GABA) elaborazione.GABA è un neurotrasmettitore che può calmare il sistema nervoso e può contribuire allo sviluppo di ansia o depressione.

Il prof.David Field, autore principale dello studio e professore associato presso la School of Psychology and Clinical Language Sciences dell'Università di Reading.

L'equilibrio tra inibizione ed eccitazione nel cervello è stato collegato ad ansia, depressione, autismo e schizofrenia.Inoltre, gli autori scrivono che alcune persone possono sperimentare disturbi visivi e altri disturbi sensoriali in molte di queste condizioni di salute mentale, "e si pensa che questi siano correlati a squilibri di eccitazione-inibizione nella corteccia visiva".

Secondo gli autori, "la vitamina B6 è coinvolta in una serie di altri percorsi che possono ridurre l'eccitazione neurale".La vitamina B12 condivide due degli stessi percorsi, quindi i ricercatori hanno voluto testarla anche per vedere quale effetto avrebbe.

I ricercatori hanno reclutato un gruppo iniziale di 478 partecipanti che avevano ansia e/o depressione auto-riferiti.Sono stati scelti in modo casuale per ricevere vitamina B6, vitamina B12 o un placebo.

Le compresse B6 contenevano 100 milligrammi di B6, mentre le compresse B12 contenevano 1.000 microgrammi di B12.Questo ha superato di gran lunga l'indennità dietetica giornaliera raccomandata dalFood and Drug Administration, che è 1,7 mg per B6 e 2,4 mcg per B12.

I ricercatori hanno esaminato i partecipanti per l'ansia e la depressione prima e dopo i regimi vitaminici o placebo utilizzando lo Screen For Adult Anxiety Related Disorders (SCAARED) e il Mood and Feelings Questionnaire (MFQ).

I ricercatori hanno fatto completare ai partecipanti test visivi e tattili alla fine del processo.

La vitamina che ha aiutato

I risultati dello studio hanno indicato che la vitamina B6 può essere utile nel ridurre i sintomi di ansia e depressione.I partecipanti B6 hanno visto una riduzione significativa nei loro test SCAARED e MFQ rispetto al gruppo placebo.

"La vitamina B6 aiuta il corpo a produrre un messaggero chimico specifico che inibisce gli impulsi nel cervello e il nostro studio collega questo effetto calmante con una riduzione dell'ansia tra i partecipanti", afferma il prof.Campo.

Inoltre, nei test alla fine dello studio, il gruppo B6 ha mostrato un aumento della "soppressione surround del rilevamento del contrasto visivo".Gli autori scrivono che questo test "sostiene un meccanismo sottostante correlato al GABA inibitorio".

Mentre i partecipanti al gruppo vitamina B12 hanno riportato un leggero miglioramento dei sintomi di ansia e depressione rispetto al gruppo placebo, i ricercatori non lo hanno ritenuto significativo.

Gli autori hanno notato che "è possibile che il periodo di integrazione di 1 mese nel presente studio fosse insufficiente per gli effetti della supplementazione di B12".

Cosa significano i risultati

I risultati dello studio possono essere utili alle persone con ansia o depressione in diversi modi.

In primo luogo, gli integratori di vitamina B6 sono prontamente disponibili da banco nella maggior parte delle farmacie e di altri rivenditori.

"Questa potrebbe essere una boccata d'aria fresca per le persone con disturbi d'ansia che non hanno avuto le opzioni di nuovi trattamenti per molto tempo",Dott.Tom MacLaren, uno psichiatra consulente presso Re:Cognition Health con sede a Londra, ha detto in un'intervista a Medical News Today.

"Le vitamine B6 sono ampiamente disponibili e molte persone le assumono regolarmente, quindi potrebbe essere un modo semplice per aumentare i trattamenti che stanno già assumendo".
— Dott.Tom MacLaren

Un altro modo in cui lo studio può essere utile per le persone con ansia o depressione è che i risultati indicano che la vitamina B6 può aiutare con il GABA.

"Gli autori evidenziano il ruolo della vitamina B6 come coenzima nella sintesi del neurotrasmettitore inibitorio GABA dal glutammato",Dott.David A.Merrill, psichiatra e direttore del Pacific Brain Health Center del Pacific Neuroscience Institute presso il Providence Saint John's Health Center di Santa Monica, in California, ha detto a MNT.

"Questo ha senso e diventa un modo importante per spiegare i risultati ai pazienti e forse a coloro che non hanno cercato un trattamento ma stanno lottando con un'ansia elevata", ha detto.

Inoltre, se alcune persone con ansia o depressione sono in grado di ridurre i sintomi utilizzando la vitamina B6, potrebbero essere in grado di evitare gli effetti collaterali dell'uso prolungato di determinati farmaci.

"Alcuni farmaci ansiolitici come le benzodiazepine hanno potenziali effetti collaterali come sedazione, squilibrio o perdita di memoria",Dott.Merrill ha continuato. "Le benzodiazepine possono anche essere abusate al punto da diventare inefficaci, oppure si può sviluppare dipendenza sia psicologica che fisiologica che rende difficile smettere di usare i farmaci".

Tutte le categorie: Blog