Sitemap

Navigazione veloce

Condividi su Pinterest
Gli esperti sperano in potenziali scoperte scientifiche nel trattamento e nella diagnosi del morbo di Alzheimer.MoMo Productions/Getty Images

I progressi nella malattia di Alzheimer sono stati lenti e, a volte, deludenti nell'ultimo decennio.

Gli scienziati stanno ancora cercando di capire i meccanismi esatti di come l'Alzheimer progredisce nel cervello.

I ricercatori stanno anche lottando per sviluppare un farmaco in grado di curarlo.Finora, i migliori che hanno inventato sono i farmaci che rallentano temporaneamente l'avanzamento della malattia mortale.

Nell'estate del 2021, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l'uso di Adulhelm, il primo nuovo farmaco autorizzato per il trattamento dell'Alzheimer in 18 anni.

Tuttavia, l'approvazione è arrivata nonostante le obiezioni di alcuni membri di un comitato consultivo che ritenevano che il farmaco non fosse stato pienamente dimostrato efficace.

Poche settimane dopo, la FDA ha aggiornato la sua guida per Aduhelm, raccomandandolo solo per le persone nelle prime fasi dell'Alzheimer.

C'è stata più delusione all'inizio di questo mese quando è stato riferito che il farmaco crenezumab non ha funzionato bene negli studi clinici di fase 3.

C'è almeno un altro potenziale trattamento per l'Alzheimer prima della FDA ora.

È lecanemab, un anticorpo monoclonale progettato per rallentare la progressione dell'Alzheimer.Il farmaco ha ricevuto una designazione di terapia rivoluzionaria dalla FDA nel giugno 2021.Ha ottenuto la designazione prioritaria nel dicembre 2021.

Sul fronte diagnostico, i ricercatori hanno svelato i dettagli questo fine settimana su una scansione cerebrale basata sulla risonanza magnetica che può potenzialmente diagnosticare l'Alzheimer prima che compaiano i sintomi.

Quanto sono importanti questi potenziali nuovi progressi e offrono motivi di ottimismo?

Healthline ha parlato con Rebecca M.Edelmayer, Ph.D., il direttore senior dell'impegno scientifico per l'Alzheimer's Association per una certa prospettiva.

Healthline: quali sono gli sviluppi imminenti che dovremmo cercare in termini di diagnosi di Alzheimer?

Edelmayer: "Il campo di ricerca sull'Alzheimer è entusiasta dei progressi che abbiamo fatto nella diagnosi di Alzheimer nell'ultimo decennio, in particolare con lo sviluppo di tecnologie di test dei biofluidi in grado di rilevare i segni distintivi dell'Alzheimer.

Ora disponiamo di tecnologie di imaging cerebrale approvate dalla FDA in grado di visualizzare i cambiamenti caratteristici, come l'accumulo di placche di amiloide-beta e grovigli di tau associati all'Alzheimer.

Tuttavia, c'è un urgente bisogno di strumenti diagnostici per l'Alzheimer semplici, poco costosi, non invasivi e facilmente disponibili, come un esame del sangue.

Oltre a migliorare la diagnosi, le nuove tecnologie di test potrebbero potenzialmente supportare lo sviluppo di farmaci per l'Alzheimer in molti modi.Ad esempio, aiutando a identificare le persone giuste per le sperimentazioni cliniche e monitorando l'impatto delle terapie testate.

In questo momento, la ricerca sullo sviluppo di nuove tecnologie per le analisi del sangue sta facendo progressi incoraggianti, ma non sappiamo ancora quanto tempo passerà prima che questi test saranno disponibili per un uso clinico più ampio.Il prossimo passo è testarli in studi a lungo termine su larga scala e su popolazioni diverse, e alcuni di questi studi stanno già avvenendo”.

Healthline: quanto è promettente la nuova ricerca sulle scansioni cerebrali basate sulla risonanza magnetica in grado di rilevare i segni dell'Alzheimer?

Edelmayer: "Questo nuovo approccio di ricerca utilizza l'apprendimento automatico e le scansioni MRI nel tentativo di identificare i cambiamenti cerebrali biologici all'inizio del continuum della malattia di Alzheimer. Detto questo, questa ricerca è agli albori e non è pronta per essere utilizzata come strumento diagnostico autonomo. È un modello che richiederà più test in un insieme più ampio di dati raccolti in modo prospettico da un gruppo eterogeneo di individui.

Il modello è stato sviluppato utilizzando campioni dell'Alzheimer's Disease Neuroimaging Initiative (ADNI), che attualmente non è una rappresentazione diversificata di coloro che vivono con o sono a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza.Affinché il modello sia efficace nel predire l'Alzheimer e altre demenze, dovrà essere generalizzabile alla più ampia popolazione di Alzheimer.

Come notato dagli autori, un'altra limitazione significativa è che il modello diagnostico è stato sviluppato per un tipo di macchina per risonanza magnetica che utilizza una particolare intensità di campo magnetico.Con una varietà di macchine MRI utilizzate oggi, i risultati di questo studio non sono generalizzabili a tutti i tipi di scanner utilizzati oggi per aiutare nella diagnosi.

Tutto questo per dire, questa ricerca sta affrontando una questione importante nella malattia di Alzheimer: la diagnosi precoce.Con l'approvazione accelerata della FDA del primo trattamento per l'Alzheimer anti-amiloide e altri in arrivo, è fondamentale che le persone con Alzheimer vengano diagnosticate all'inizio del processo della malattia, quando il trattamento può essere più vantaggioso.

"Inoltre, la diagnosi precoce dell'Alzheimer consente alle persone e alle loro famiglie di avere più tempo per pianificare il futuro, partecipare a studi clinici e cercare risorse per la comunità".

Healthline: sei ottimista sul fatto che possiamo avere strumenti diagnostici significativamente migliori per l'Alzheimer entro il prossimo decennio?

Edelmayer: “Assolutamente. Che si tratti di scansioni che rilevano la patologia di Alzheimer nel cervello o di test dei fluidi che rilevano i marcatori di Alzheimer nel sangue, stiamo accelerando più che mai verso modi più accurati e accessibili per diagnosticare l'Alzheimer.

Con queste tecnologie, la possibilità di una diagnosi precoce e di poter intervenire con un trattamento prima di danni significativi al cervello causati dal morbo di Alzheimer cambierebbe il gioco per gli individui, le famiglie e il nostro sistema sanitario.

Un esame del sangue ben testato e verificato, ad esempio, consentirà l'interpretazione e la comprensione della progressione dell'Alzheimer in popolazioni molto più grandi, più diversificate e più robuste".

Healthline: quali sono gli sviluppi imminenti che dovremmo cercare in termini di trattamento dell'Alzheimer?

Edelmayer: "Siamo in una nuova fase della cura dell'Alzheimer. La pipeline dei farmaci per l'Alzheimer si sta scaldando. Nella seconda metà del 2021, c'è stata una rinnovata eccitazione nella classe dei farmaci sperimentali per l'Alzheimer che prendono di mira i beta-amiloidi.

Questi includono farmaci di Eli Lilly (donanemab), Eisai (lecanemab) e Roche (gantenerumab), che hanno tutti ricevuto la designazione rivoluzionaria dalla FDA nel 2021.

Inoltre, una vasta gamma di strategie mirate alla neuroinfiammazione, alla protezione delle cellule cerebrali e alla riduzione dei contributi vascolari alla demenza, tutte finanziate dal programma Part the Cloud, sono avanzate negli studi clinici.

Ci aspettiamo un'azione della FDA su più terapie che mirano a rallentare, fermare o cambiare la traiettoria del morbo di Alzheimer nell'autunno di quest'anno".

Healthline: quanto è stata una battuta d'arresto la recente sperimentazione clinica per il farmaco crenezumab?

Edelmayer: “Questi risultati in prima linea sono deludenti. Allo stesso tempo, rimaniamo fermamente fiduciosi sulla base della solida e diversificata pipeline di sviluppo di farmaci per l'Alzheimer, inclusi nuovi potenziali trattamenti negli studi di fase 3 e, di fatto, in tutte le fasi degli studi clinici.

Non vediamo l'ora di conoscere maggiori dettagli da questo studio clinico alla Conferenza internazionale dell'Alzheimer's Association a San Diego il 2 agosto, dove gli scienziati forniranno un rapporto sostanzialmente più approfondito dei loro risultati".

Healthline: speri che il nuovo farmaco lecanemab in attesa di approvazione della FDA possa essere efficace?

Edelmayer: “Sulla base dei dati di fase 2, Eisai ha completato una richiesta di approvazione accelerata per lecanemab per la revisione della FDA, a cui seguirà una domanda tradizionale della FDA basata sui dati di fase 3 previsti nel quarto trimestre del 2022.

Ci fidiamo del rigoroso processo della FDA mentre esamina i dati dello studio di fase 2 e non vediamo l'ora di vedere i dati di fase 3 questo autunno".

Healthline: sei ottimista sul fatto che possiamo avere trattamenti significativamente migliori per l'Alzheimer entro il prossimo decennio?

Edelmayer: "Questo è un momento emozionante nella ricerca sull'Alzheimer con più potenziali trattamenti - e più tipi di trattamenti - oggetto di studio che mai.

La prima approvazione accelerata della FDA di un trattamento per l'Alzheimer ha creato un nuovo livello di interesse e investimento in cui ora stiamo assistendo a un'accelerazione di più trattamenti attraverso la pipeline dei farmaci.

Sappiamo che l'Alzheimer è una malattia complessa e immaginiamo un futuro in cui un trattamento efficace include una potente combinazione di terapie che affrontano la malattia in molteplici modi.

Incoraggiare e supportare una pipeline terapeutica diversificata, come fa l'Alzheimer's Association attraverso il suo finanziamento Part The Cloud e altre iniziative, comprese strategie sia farmacologiche che non farmacologiche, è essenziale per realizzare la visione dell'associazione di un mondo senza Alzheimer e tutte le altre demenze. "

Tutte le categorie: Blog