Sitemap
  • Tracce di poliovirus sono state rilevate nella sorveglianza di routine delle acque reflue nel Regno Unito.Funzionari sanitari affermano che il virus identificato è derivato dal vaccino.
  • Il rischio per il pubblico è basso poiché la maggior parte delle persone nel Regno Unito sarà protetta attraverso una precedente vaccinazione contro la poliomielite; quelli sotto i 5 anni probabilmente saranno presto vaccinati.
  • Negli Stati Uniti, almeno il 92% dei bambini viene vaccinato contro la poliomielite.

Funzionari sanitari nel Regno Unito hanno identificato tracce di poliovirus durante lo screening di routine delle acque reflue.

In genere, la sorveglianza di routine delle acque reflue rileva il poliovirus un paio di volte all'anno, ma tra febbraio e maggio i funzionari sanitari hanno rilevato diversi campioni di acque reflue con poliovirus.

Da allora il virus si è evoluto ed è ora classificato come poliovirus di tipo 2 "derivato da vaccini" (VDPV2).

Le autorità sanitarie affermano che non ci sono stati casi gravi di malattia, ma sospettano che ci sia stata una trasmissione comunitaria tra i bambini nel nord e nell'est di Londra.

Le autorità sanitarie affermano che la maggior parte della popolazione del Regno Unito sarà protetta contro il poliovirus attraverso le vaccinazioni che ricevono durante l'infanzia.

I bambini sotto i 5 anni che vivono vicino a Londra saranno presto invitati a farsi vaccinare contro la poliomielite, secondo le autorità sanitarie.

“VDPV2, o poliovirus di tipo 2, è un tipo di poliovirus derivato da un vaccino antipolio orale che utilizza una forma viva del virus. Per un breve periodo di tempo, un individuo appena vaccinato può potenzialmente trasmettere il virus vivo attraverso le feci", ha detto a Healthline MPH, CIC, FAPIC, direttore della prevenzione delle infezioni presso il Lenox Hill Hospital.

Che cos'è il poliovirus derivato dal vaccino?

Esistono due tipi di vaccini disponibili per la poliomielite: il vaccino antipolio inattivato (IPV) e il vaccino antipolio orale (OPV).

IPV è utilizzato negli Stati Uniti e nel Regno Unito.Non contiene virus funzionale.

OPV, invece, è un vaccino vivo attenuato.È un vaccino estremamente efficace, ma contiene il rischio di circolazione del poliovirus di derivazione vaccinale (cVDPV).

“Il vaccino contro la poliomielite orale vivo (OPV) è stato raccomandato negli Stati Uniti dal 1963 al 2000; e sono passati all'attuale raccomandazione di utilizzare il vaccino contro il poliovirus inattivato (IPV) in quel momento. OPV è ancora amministrato in alcuni paesi",disse Newman.

Alcune persone recentemente vaccinate con OPV possono diffondere virus infettivi nelle feci.Questo può essere rilevato nella sorveglianza delle acque reflue.

Come può diffondersi cVDPV

"Il vaccino è progettato per imitare il virus della poliomielite naturale che viene sparso attraverso la via fecale",Dott.Amesh Adalja, esperta di malattie infettive e studiosa senior presso il Centro per la sicurezza sanitaria della Johns Hopkins University, ha detto a Healthline.

Secondo Adalja, questo è uno dei vantaggi pubblicizzati dell'OPV: lo spargimento di feci può in definitiva immunizzare le persone che non sono vaccinate e aiutare a proteggere le comunità.

Non c'è il rischio che il virus si diffonda attraverso i sistemi di acque reflue, secondo Newman.Tuttavia, la trasmissione può verificarsi se una persona non vaccinata viene esposta alle feci o alle goccioline respiratorie di una persona affetta da poliomielite.

Nelle aree con bassi tassi di vaccinazione è possibile che il virus si diffonda da un bambino all'altro e nel giro di mesi o un anno possa mutare e causare paralisi simile al poliovirus selvaggio.Questa versione mutata del virus può diffondersi ancora più ampiamente, portando a cVDPV.

In alcuni casi, può causare paralisi.Può anche ricombinarsi con virus correlati e diffondersi, secondo Adalja.

"L'ipotesi attuale è che [la persona con la poliomielite] possa aver portato il virus a Londra e diffuso ad altri che non erano stati immunizzati",disse Newman.

Il rischio è basso ma si consigliano le vaccinazioni

Newman afferma che il rischio per il pubblico in generale è molto basso.L'immunizzazione contro la poliomielite fa parte del programma di vaccinazione di routine negli Stati Uniti.

“I dati del CDC mostrano che il 92,4% dei bambini statunitensi sotto i 24 mesi è vaccinato contro la poliomielite. Questa è un'ottima copertura vaccinale e sono fiducioso che saremmo protetti da qualsiasi potenziale minaccia ",disse Newman.

La poliomielite colpisce prevalentemente i bambini sotto i 5 anni, ma secondo Newman può anche essere che le persone non vaccinate siano a rischio di sviluppare la malattia.

Le persone possono richiedere l'immunizzazione al proprio medico o al dipartimento sanitario locale.

Detto questo, chiunque non sia stato vaccinato dovrebbe fissare un appuntamento per vaccinarsi contro la poliomielite, ha aggiunto Newman.

"Raccomanderei la vaccinazione a chiunque non sia completamente immunizzato sulla base delle attuali raccomandazioni sul vaccino contro il poliovirus",disse Newman.

La linea di fondo:

Tracce di poliovirus sono state rilevate nella sorveglianza di routine delle acque reflue nel Regno Unito.Funzionari sanitari affermano che il virus identificato è derivato dal vaccino.Sembra esserci una trasmissione comunitaria tra i bambini della zona, ma il rischio per il pubblico è basso.La maggior parte delle persone nel Regno Unito sarà protetta attraverso la vaccinazione preventiva contro la poliomielite; quelli sotto i 5 anni probabilmente saranno presto vaccinati.

Tutte le categorie: Blog