Sitemap
Condividi su Pinterest
Paxlovid e altri farmaci antivirali possono aiutare le persone a riprendersi dalla malattia COVID-19.Danil Nevsky/Stocksy
  • I ricercatori affermano che Paxlovid e altri farmaci antivirali possono aiutare anche le persone con sintomi lievi di COVID-19 a evitare malattie gravi.
  • Hanno avvertito, tuttavia, che il nuovo coronavirus è in continua evoluzione, quindi gli scienziati dovranno rimanere al passo con i nuovi trattamenti.
  • Notano inoltre che le persone che stanno assumendo determinati altri farmaci e integratori dovrebbero consultare il proprio medico prima di assumere Paxlovid.

Paxlovidè un efficace farmaco antivirale assunto entro i primi giorni dall'insorgenza dei sintomi per aiutare a prevenire l'ospedalizzazione e la morte per COVID-19.

Negli Stati Uniti, solo le persone con determinate condizioni mediche a più alto rischio di sviluppare COVID-19 grave sono attualmente idonee a ricevere il farmaco.

Ora, un nuovo studio suggerisce che l'ampliamento dell'idoneità per includere tutte le persone con COVID-19 potrebbe avvantaggiare tutti.

I ricercatori canadesi hanno studiato 41 studi che hanno riguardato più di 18.000 persone con COVID-19 non grave.Hanno riferito che l'assunzione di Paxlovid ha probabilmente portato a 46 ricoveri ospedalieri in meno ogni 1.000 casi rispetto alle persone che hanno ricevuto cure standard o un placebo.

I ricercatori hanno anche scoperto che il farmaco antivirale molnupiravir può anche essere in qualche modo benefico, con 16 ricoveri in meno ogni 1.000 pazienti.

"Poiché i farmaci antivirali possono essere più utili nelle malattie non gravi, questa recensione affronta un'importante lacuna nelle prove",Tyler Pitre, autore principale dello studio e residente in medicina interna presso la McMaster University in Ontario, ha affermato in un comunicato stampa.

Il dottor Jimmy Johannes, pneumologo e specialista in medicina di terapia intensiva presso il MemorialCare Long Beach Medical Center in California, ha affermato che i risultati non lo hanno sorpreso.

"Questi risultati sono in linea con le mie aspettative basate sugli studi clinici fondamentali sia per Paxlovid che per molnupiravir", ha detto a Healthline.

"Penso che ci sia bisogno di maggiore consapevolezza tra il pubblico e tra gli operatori sanitari sulla disponibilità di questi trattamenti antivirali", ha continuato. “Ci deve anche essere la consapevolezza che questi trattamenti funzionano meglio all'inizio del corso di un'infezione da COVID-19. Pertanto, i test precoci per confermare un'infezione da COVID-19 sono fondamentali. Inoltre, penso che i sistemi sanitari dovranno trovare modi efficienti per facilitare l'accesso precoce a Paxlovid per le persone a rischio che contraggono il COVID-19".

Mutazioni COVID che superano la ricerca

Ma le meta-analisi hanno dei limiti, gli esperti avvertono e la velocità delle mutazioni di COVID-19 significa che non sappiamo che i risultati che erano veri per una variante del virus - in questo caso, principalmente la variante Delta dell'anno scorso - sono validi per un'altra .

"La meta-analisi può essere utile quando i costi e i vincoli logistici impediscono di studiare grandi gruppi di pazienti per lunghi periodi di tempo alla ricerca di eventi rari", ha affermato il dott.David Cutler, medico di famiglia presso il Providence Saint John's Health Center in California. "Ma introduce anche molte fonti di errore e i risultati devono essere interpretati con cautela".

In un commento sul Canadian Medical Association Journal, dove è stato pubblicato questo studio, i revisori hanno notato più o meno lo stesso, sottolineando l'importanza cruciale dello stato di vaccinazione come profilassi primaria contro il COVID-19 grave.

"[Paxlovid] è probabilmente meno efficace nell'ambiente del mondo reale di quanto suggerito dai risultati della relativa meta-analisi di rete", hanno scritto. "Un recente studio osservazionale che ha esaminato l'efficacia di [Paxlovid] tra i pazienti vaccinati infetti da Omicron e senza evidenza di infezione precedente ha concluso che era efficace nel ridurre il COVID-19 grave".

Tuttavia, hanno notato che un'altra storia indicava che "la vaccinazione da sola era uguale o più efficace di [Paxlovid] e che l'efficacia di [Paxlovid] non variava in base allo stato di vaccinazione".

Hanno anche notato che il produttore di Paxlovid Pfizer ha recentemente interrotto una sperimentazione su individui vaccinati a causa di un basso tasso di ospedalizzazione o morte nella popolazione a rischio standard.

Uno strumento utile, con avvertimenti

Gli esperti affermano che un altro motivo per cui i medici devono essere cauti nel prescrivere Paxlovid è il suo gran numero di interazioni con altri farmaci e integratori.

"La disponibilità generale di Paxlovid deve essere limitata a causa di interazioni potenzialmente gravi con molti farmaci comunemente usati",disse Cutler. "Ciò significa che l'uso di erbe, vitamine e integratori da parte di un paziente, nonché i farmaci da prescrizione, deve essere rivisto prima di prescrivere Paxlovid in modo sicuro".

Ma indipendentemente dal fatto che la disponibilità di Paxlovid venga ampliata negli Stati Uniti, gli esperti affermano che gli antivirali rimarranno un pezzo del nostro arsenale di lotta al COVID.

“Non so se i trattamenti antivirali aiuteranno con il controllo e il contenimento del COVID-19. Ma penso che saranno importanti per permetterci di convivere con il COVID-19, per curare il COVID-19 e per prevenire malattie gravi o ricoveri in ospedale, specialmente in quelli a più alto rischio di ricoveri ".disse Johannes.

Tutte le categorie: Blog