Sitemap
Condividi su Pinterest
Dopo aver dato alla luce il suo secondo figlio, a Zuleyma Santos è stata diagnosticata una rara forma di insufficienza cardiaca e messa in lista d'attesa per un trapianto di cuore.Fotografia per gentile concessione di Padilla Co

Madre di due figli, Zuleyma Santos, sta lavorando con l'American Heart Association per aumentare la consapevolezza sui pericoli delle malattie cardiache nei giovani adulti.

Sulla carta, penseresti che Zuleyma Santos, che ora ha 37 anni, avesse tutto.

Due nuovi bambini nati in altrettanti anni.Una carriera nella vendita al dettaglio che amava.Un marito devoto e amorevole che, nonostante avesse il cancro, era sempre lì per lei e una famiglia enorme, vicina e solidale.

Avrebbe dovuto essere il momento della sua vita.

Ma all'interno di quegli avvenimenti è arrivato un successone: Santos ha sviluppato una malattia cardiaca rara e spesso mortale causata dalla gravidanza.

Ecco perché oggi sorride mentre si sistema lo zaino sempre pronto sulla spalla che contiene 10 libbre di batterie, costantemente al lavoro per mantenere in azione il dispositivo che le fa battere il cuore mentre attende un trapianto di cuore.

Sebbene ci fossero segni - e una diagnosi - dopo la nascita del suo secondo figlio nel 2019, nessuno ha colto la gravità della situazione e Santos, immersa nell'iniziare la sua vita come genitore e concentrandosi sui trattamenti contro il cancro di suo marito, non ha spinto.

"Sento che c'erano sintomi senza risposta", ha detto a Healthline. “Sono sempre stato un individuo forte. Non mi sentirai mai dire "oh, sto soffrendo". Non sono solo io.

Quell'atteggiamento da "arrivare al punto" avrebbe potuto rivelarsi fatale con la nascita del suo secondo figlio.

Ma l'ha anche lanciata in uno spazio in cui non avrebbe mai pensato di trovarsi: portavoce dell'American Heart Association.

“Sentivo di aver bisogno di un modo per raggiungere le persone. Per aiutarli a sapere di parlare per se stessi”.

“Non avrei mai pensato che avrei avuto un'insufficienza cardiaca, o che il mio partner avrebbe avuto il cancro, almeno non quando i nostri bambini sono bambini con pannolini sporchi che girano tra il mio letto d'ospedale. Ma eccomi qui. E se posso essere la voce che sentono - sapere che ci sono risorse là fuori - allora così sia".

È iniziato con il bambino

Santos stava tenendo il suo bambino di due giorni in ospedale quando all'improvviso riusciva a malapena a respirare.

"Ho chiamato l'infermiera e ho detto 'tieni il bambino, c'è qualcosa che non va in me!" lei ricordava. "Non riuscivo a respirare e pensavo di perdere la vita".

È stata esaminata, testata e poi diagnosticata.Era cardiomiopatia peripartum, le dissero, una forma di insufficienza cardiaca che si verifica durante l'ultimo mese di gravidanza o nei primi mesi dopo il parto.

Il bambino è andato a casa, ma Santos è rimasto in ospedale per altri quattro giorni.È stata stabilizzata e le è stato detto di riposare e vedere un cardiologo come follow-up una volta a casa.

Lo ha fatto, ma dal momento che ad ogni visita cardiologica le hanno detto che ha superato tutti gli esami e l'hanno sottoposta a farmaci che l'hanno stabilizzata, ha preso una decisione.

"Era ora di tornare alla vita normale", ha detto. “Ero tipo 'Mi sento bene. Perché mi dici che ho questo?’ Così sono tornato alla mia vita: lavorare, prendermi cura dei bambini e prendermi cura di mio marito”.

Nessuno ha battuto le palpebre o ha cercato di guidarla in un'altra direzione, ha detto.

A marzo, la chiusura della pandemia ha colpito, una "benedizione", ha detto perché mentre era difficile perdere il lavoro, era bello "essere a casa e prendersi cura dei bambini" mentre suo marito tornava in ospedale per combattere il suo cancro.Per quanto stressante possa sembrare, ha detto, si sentiva bene a casa e si sentiva sicura della sua salute.

Poi è arrivata l'estate.A luglio, stava lottando,

"Mi sentivo affaticata, esausta e non riuscivo a mangiare bene", ha detto.

Ma la diagnosi di cuore dopo il parto non le è passato per la mente.

"Non pensavo davvero che fosse il mio corpo", ha detto. “Pensavo fosse il caldo estivo. E sai, prendersi cura di due bambini e di un marito che lotta contro il cancro. Ci vuole il suo pedaggio”.

Poi, è peggiorato. "Non riuscivo nemmeno a sollevare le gambe di mia figlia per cambiare un pannolino", ha ricordato.

È andata al pronto soccorso - a metà della pandemia - con gambe gonfie, nausea ed esaurimento.Nonostante le fosse stata informata della diagnosi precedente, ha detto, l'hanno mandata a casa e le hanno detto di provare a mangiare in modo diverso.

Preoccupata, ha cercato di entrare con un cardiologo, ma anche la chiusura della pandemia ha reso difficile.Si è assicurata un appuntamento per la fine di ottobre e sperava per il meglio.

Cinque giorni dopo quella visita al pronto soccorso, improvvisamente è precipitata verso il basso e si è resa conto di essere nei guai.

"Ho detto a mio marito di chiamare un'ambulanza", ha detto.

L'ultima cosa che ricorda è di essere stata intubata.Si è svegliata il 3 novembre e le è stato detto che era allo stadio quattro di insufficienza cardiaca e che avrebbe avuto bisogno di un trapianto di cuore.

"Era molto difficile da sentire", ha detto. “Non capivo come io, alla mia età, fossi arrivato a questo punto”.

Non un pensiero raro

Non è un modo insolito per qualcuno della sua età di pensare.

"Questo evidenzia l'importanza di riconoscere questa condizione e le condizioni cardiache in generale",Dott.Eugene DePasquale, cardiologo della Keck Medicine della USC, che sta curando Santos, ha detto a Healthline.

"La principale causa di morte negli Stati Uniti [basata sui dati raccolti prima del COVID-19] è la malattia cardiaca", ha affermato. "Ma quando le persone cercano [in base ai loro sintomi] cercano 'cancro'", ha detto.

Ha detto che i dati suggeriscono che meno del tre percento delle persone che cercano sintomi online cercano malattie cardiache.

I media, ha detto, spingono informazioni su suicidio, morti per terroristi e cancro, ma non tanto sulle malattie cardiache.

Inoltre, ha detto, i pazienti cardiopatici più giovani tendono a presentare sintomi diversi, più focalizzati sul tratto gastrointestinale.

"I giovani pazienti, in particolare, potrebbero mancare", ha detto della diagnosi cardiaca. “Non solo dal paziente, ma anche dagli [esperti medici].

Ecco perché lui e il suo team sono entusiasti che lei condivida la sua storia mentre lavora per un trapianto di cuore.

"È una donna speciale", ha detto. “Siamo molto grati per lei. Ne ha passate tante, ma continua a fare cose del genere. Fa parte della nostra famiglia e viceversa”.

Qual è il prossimo

Santos è tornata a casa con quello zaino che ha caricato la sua pompa HeartMate, che farà il lavoro di un cuore fino a quando non riceverà un trapianto.

DePasquale ha detto perché Santos ha sviluppato anticorpi durante quella seconda gravidanza che ha stimolato la malattia cardiaca, rendendo il suo pool di cuori di donatori molto piccolo.Il venerdì prima della festa della mamma, avrebbero iniziato a lavorare per rimuovere quegli anticorpi da lei.

È tornata a casa speranzosa e grata di essere viva, oltre che pronta a prendersi cura del marito malato, che si era preso cura dei bambini con l'aiuto della famiglia mentre si riprendeva in ospedale.

"Potevo sentire che era in attesa per me, aggrappandosi alla sua salute per prendersi cura delle cose finché non potevo", ha detto.

Lei aveva ragione.È arrivata a casa il 29 dicembre.Il 16 gennaio hanno organizzato una gioiosa festa per il terzo compleanno del loro figlio.

Una settimana dopo suo marito si è ricoverato in ospedale.Entro il 27 febbraio era a casa in ospedale dove è morto poco dopo.

Tuttavia, Santos è grato e positivo.

"Mi ha dato la forza per farlo", ha detto di aver cresciuto due figli da vedova, di aver combattuto contro le malattie cardiache in attesa di un trapianto ed essere un portavoce della salute del cuore.

“Lo ha fatto per me, e ora tocca a me farlo per lui. Farò andare avanti questa famiglia, farò felici questi ragazzi".

Sta lavorando sodo con i suoi medici per arrivare al trapianto di cuore e parlare.

Ha detto DePasquale, sta facendo la differenza in più modi di quanto possa nemmeno sapere.

"Siamo così grati a lei", ha detto. "Aiuta a mettere questo in prospettiva e incoraggia gli altri a essere proattivi e a lottare per far riconoscere i sintomi".

Inoltre, ha detto, dà visibilità a quanto bene possono funzionare le pompe cardiache.La pompa HeartMate è stata utilizzata da persone famose come l'ex vicepresidente Dick Cheney, ha detto, ma l'immagine di potere di una donna comune che vive con una sola potrebbe aiutare molti.

"Non è così spaventoso come pensano alcune persone", ha detto. "Potrebbe aiutare le persone ad accettarlo di più".

Il futuro

Il Santos guarda al futuro e a un cuore nuovo con speranza.

I medici le hanno detto che probabilmente aveva segni di malattie cardiache dopo la nascita del suo primo figlio.E mentre forse ciò avrebbe potuto significare evitare alcune delle malattie estreme, avrebbe anche cambiato qualcos'altro.

"Mi avrebbero detto di non avere più figli", ha detto. “Forse non avrei avuto mia figlia. E sai, non lo cambierei per niente al mondo.

Tutte le categorie: Blog