Sitemap

Negli Stati Uniti, la marijuana sta diventando sempre più legalizzata per scopi medicinali o ricreativi.Tuttavia, una nuova ricerca avverte dei danni dell'uso di marijuana dopo aver scoperto che il farmaco potrebbe avere implicazioni negative per la salute cardiovascolare.

Condividi su Pinterest
Una nuova ricerca ha trovato un legame tra l'uso di marijuana e un maggiore rischio cardiovascolare.

Da un'analisi di oltre 20 milioni di cartelle cliniche negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto un legame tra l'uso di marijuana e un aumento del rischio di ictus e insufficienza cardiaca.

L'autore principale dello studio, il dott.Aditi Kalla, dell'Einstein Medical Center di Filadelfia, in Pennsylvania, e colleghi affermano che le loro scoperte aiutano a far luce sui possibili effetti collaterali dell'uso di marijuana, consentendo ai medici di educare meglio i pazienti su tali rischi.

I ricercatori hanno recentemente presentato i loro risultati alla 66a sessione scientifica annuale dell'American College of Cardiology, tenutasi a Washington, DC.

Secondo il National Institute on Drug Abuse, la marijuana rimane il "droga illecita più comunemente usata" negli Stati Uniti.

Tuttavia, il farmaco è stato ora legalizzato per uso medicinale o ricreativo in 28 stati degli Stati Uniti e Washington, DC, e ci si aspetta che altri stati seguano l'esempio.

In quanto tale, ci si concentra più che mai sulla determinazione dei benefici e dei rischi dell'uso di marijuana.Il nuovo studio afferma di fare luce su quest'ultimo, dopo aver scoperto un legame tra l'uso di marijuana e la cattiva salute cardiovascolare.

Rischio cardiovascolare più elevato per i consumatori di marijuana

Dott.Kalia e colleghi sono giunti ai loro risultati esaminando i dati del Nationwide Inpatient Sample.Questo database contiene le cartelle cliniche di oltre 1.000 ospedali negli Stati Uniti, che rappresentano circa il 20% degli ospedali del paese.

In totale, il team ha analizzato oltre 20 milioni di cartelle cliniche di adulti di età compresa tra i 18 e i 55 anni, tutti dimessi dall'ospedale tra il 2009 e il 2010.Il team osserva che durante questo periodo la marijuana era illegale nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti.

L'uso di marijuana è stato identificato in circa 316.000 cartelle cliniche, ovvero l'1,5%.

Il team ha confrontato i tassi di malattie cardiovascolari tra coloro che hanno usato marijuana con quelli che non hanno usato il farmaco.

I ricercatori hanno scoperto che gli adulti che facevano uso di marijuana erano a rischio molto maggiore di insufficienza cardiaca, malattia coronarica, ictus e morte cardiaca improvvisa rispetto a quelli che non usavano il farmaco.

"Anche quando abbiamo corretto i fattori di rischio noti, abbiamo comunque riscontrato un tasso più elevato di ictus e insufficienza cardiaca in questi pazienti", afferma il dott.Kalla, "quindi questo ci porta a credere che ci sia qualcos'altro in corso oltre all'obesità o agli effetti collaterali cardiovascolari legati alla dieta".

Lo studio non è stato progettato per individuare i meccanismi attraverso i quali l'uso di marijuana potrebbe aumentare il rischio di ictus e insufficienza cardiaca.Tuttavia, indicano studi che hanno dimostrato che le cellule del muscolo cardiaco hanno recettori per la cannabis, che potrebbero essere un modo in cui il farmaco colpisce il sistema cardiovascolare.

I risultati possono aiutare i medici a educare i pazienti sull'uso della marijuana

I ricercatori avvertono che, poiché i risultati si basano sui dati dei registri ospedalieri, potrebbero non applicarsi alla popolazione generale.

Tuttavia, il team afferma che i risultati forniscono ulteriori informazioni sugli effetti sulla salute dell'uso di marijuana.

“Come tutti gli altri farmaci, prescritti o meno, vogliamo conoscere gli effetti e gli effetti collaterali di questo farmaco.

È importante che i medici conoscano questi effetti in modo da poter educare meglio i pazienti, come quelli che chiedono informazioni sulla sicurezza della cannabis o addirittura chiedono una prescrizione per la cannabis".

Dott.Aditi Kalla

Scopri il legame tra uso di marijuana e schizofrenia.

Tutte le categorie: Blog