Sitemap
Condividi su Pinterest
Il fumo è ancora la causa più comune di cancro ai polmoni, ma a una percentuale crescente di pazienti con cancro ai polmoni che non hanno mai fumato e che hanno meno di 40 anni viene diagnosticata la malattia.Renata Angerami/Getty Images
  • L'American Lung Association ha pubblicato il suo sondaggio annuale del barometro della salute polmonare.
  • Nel complesso, il ritmo delle morti per cancro ai polmoni è in calo, ma rimane ostinatamente alto.
  • Sebbene il fumo rimanga la prima causa di cancro ai polmoni, viene diagnosticato un numero crescente di non fumatori di età inferiore ai 40 anni.

Emily Daniels, che vive con suo marito e il loro giovane figlio a Golden, CO, aveva 32 anni e nella 33a settimana di gravidanza iniziò a sentire un senso di oppressione al petto.

L'ha saggiamente fatta controllare e una TAC ha rilevato due coaguli di sangue nei suoi polmoni.La scansione ha anche scoperto una massa, che una biopsia ha confermato era un cancro ai polmoni in stadio IV.

Daniels, che non ha mai fumato, è rimasto scioccato nell'apprendere la diagnosi.

I suoi medici non sono sicuri di come abbia avuto il cancro.Ma le dissero che era meglio indurre il travaglio per il bene della salute del bambino e della madre.

“Mi ero sottoposta a un anno e mezzo di trattamento per la fertilità e, se dovessi indovinare, il mio corpo non era abbastanza forte in quella modalità di stress a causa della fertilità e degli ormoni. Ha fatto impazzire le cose nel mio corpo", ha detto a Healthline.

“Il mio dottore pensa che questo sia valido. Ma non lo sappiamo".

Vivo ancora con il cancro

Daniels vive ancora con un cancro ai polmoni.È stata sottoposta a chemioterapia e molti altri trattamenti e procedure.È stato difficile e la sua vita è cambiata radicalmente.

Ma sta prendendo tutto con calma perché è ancora viva.E il suo bambino, Brady, ora ha quattro anni e mezzo.Daniels festeggerà presto i suoi 37 annithcompleanno.

"Il cancro ai polmoni mi ha dato una prospettiva su ciò che è importante e su come vuoi vivere la tua vita", ha detto a Healthline. “Voglio vivere ogni giorno senza rimpianti”.

Il cancro ai polmoni rimane un killer mondiale

Oggi è la Giornata mondiale del cancro del polmone e l'American Lung Association ha pubblicato il Lung Health Barometer, un nuovo sondaggio che rivela statistiche critiche sulla consapevolezza del cancro del polmone.

La buona notizia è che il cancro ai polmoni in generale è in calo.

La cattiva notizia è che rimane la principale causa di morte per cancro negli Stati Uniti.

Il fumo è ancora la causa più comune di cancro ai polmoni, ma a una percentuale crescente di malati di cancro ai polmoni come Daniels che non hanno mai fumato e hanno meno di 40 anni viene diagnosticata la malattia.

"Mentre i tassi di cancro ai polmoni sono diminuiti negli ultimi 15 anni perché il controllo del tabacco è migliore e ci sono più misure preventive, ora c'è una percentuale più alta di" mai fumatori "che si ammalano di cancro ai polmoni",David Tom Cooke, MD, FACS capo divisione di chirurgia toracica generale presso l'UC Davis, ha detto a Healthline.

Cooke ha detto che ci sono diverse ragioni per cui le persone che non hanno mai fumato si ammalano di cancro ai polmoni.

Includono l'esposizione al fumo passivo, al radon, alle fibre di amianto, all'inquinamento atmosferico, alle tossine dovute all'aumento degli incendi in tutto il mondo e ai fattori genetici.

“È importante guardare al quadro generale. Il tasso di mortalità per cancro ai polmoni è in calo nel nostro Paese da 10 anni”.ha detto Cook.

“Questo è dovuto al recupero e alla prevenzione del tabacco, ai progressi della chirurgia per la fase iniziale, all'immunoterapia e alla medicina di precisione.

Una nuova arma contro il cancro ai polmoni

L'adozione della medicina di precisione include il dispiegamento di biopsie liquide, che sono semplici esami del sangue che esaminano il DNA tumorale circolante nel sangue, ha affermato Cooke.

“Questi test possono rilevare il cancro e trovare mutazioni del driver. È una tecnologia promettente ed è più efficace nei pazienti con carcinoma polmonare avanzato”,ha detto Cook.

"Ha senso che più cancro hai nel [tuo] corpo, più avrai il DNA tumorale in circolazione nel [sangue]".

Ha detto che non è così efficace con il cancro del polmone in fase iniziale quando il tumore è molto piccolo e potrebbe non spargere DNA nel flusso sanguigno.

Mancanza di consapevolezza del cancro ai polmoni

Secondo il sondaggio dell'American Lung Association, il cancro ai polmoni è la principale causa di decessi per cancro negli Stati Uniti, ma la malattia spesso rimane nell'ombra.

Si stima che quest'anno a più di 235.000 americani verrà diagnosticato un cancro ai polmoni.

Ma solo il 29% degli americani sa che il cancro ai polmoni è la principale causa di decessi per cancro negli Stati Uniti.

Solo circa un intervistato su quattro (26%) sapeva che il tasso di sopravvivenza al cancro del polmone è aumentato di oltre il 30% negli ultimi dieci anni.

Il 73% degli adulti non ha parlato con il proprio medico del rischio di cancro ai polmoni e solo il 40% è preoccupato che possa contrarre la malattia.

E quasi il 70% degli intervistati non aveva familiarità con la disponibilità dello screening del cancro del polmone per la diagnosi precoce della malattia.

Le cattive notizie e le buone notizie

L'American Lung Association sta lavorando per sconfiggere il cancro ai polmoni.

Per fare ciò, l'organizzazione sta impegnando una varietà di tattiche e parti interessate per affrontare la malattia.

“Questa scarsa consapevolezza è in parte dovuta a uno stigma immeritato che segue da decenni il cancro ai polmoni. Il fatto è che chiunque può avere un cancro ai polmoni e nessuno se lo merita.Harold Wimmer, presidente nazionale e amministratore delegato dell'American Lung Association, ha affermato in un comunicato stampa.

"La buona notizia è che il tasso di sopravvivenza al cancro del polmone è aumentato notevolmente e la consapevolezza di questa malattia mortale è aumentata costantemente", ha affermato.

"Una maggiore consapevolezza del cancro del polmone è la chiave per garantire finanziamenti per la ricerca, incoraggiare lo screening del cancro del polmone, ridurre lo stigma intorno a questa malattia e, in definitiva, salvare vite umane",ha detto Wimmer.

Tutte le categorie: Blog