Sitemap
  • Una nuova ricerca suggerisce che la legalizzazione della cannabis a livello federale potrebbe aiutare a mitigare le vendite di prodotti a base di cannabis ad alta potenza, che potrebbero essere dannosi per la salute generale.
  • La depenalizzazione federale significherebbe che gli stati potrebbero stabilire ciascuno le proprie leggi sulla cannabis, ma alcuni stati potrebbero non riuscire a fissare un limite alla quantità di THC che può essere inclusa nei prodotti.
  • Secondo gli esperti, un limite di THC universale sui prodotti in tutti gli stati potrebbe essere una soluzione efficace.

La legalizzazione federale della cannabis fornirebbe l'opportunità di stabilire regolamenti che proteggano meglio la salute pubblica, affermano i ricercatori.

In un white paper pubblicato il 18 luglio, i ricercatori della University of Southern California's Leonard D.Lo Schaeffer Center for Health Policy & Economics ha delineato diverse potenziali politiche che potrebbero essere emanate dal governo federale se depenalizza la cannabis.

Ciò include il porre limiti alla quantità di tetraidrocannabinolo (THC) - il principale composto psicoattivo della cannabis - che può essere incluso nei prodotti e limitare la quantità di individui che possono acquistare contemporaneamente in base alla quantità di THC nel prodotto.

Altre politiche includono la tassazione dei prodotti a base di cannabis in base alla potenza piuttosto che al peso o al prezzo al dettaglio e il monitoraggio di tutta la cannabis o della canapa dalla coltivazione alla vendita come prodotto.

Rischi per la salute dei prodotti a base di cannabis ad alta potenza

UNStudio luglio 2022pubblicato su The Lancet Psychiatry suggerisce che le persone che usano cannabis ad alta potenza hanno un rischio maggiore di sviluppare un disturbo da uso di cannabis.Hanno anche maggiori probabilità di sperimentare un disturbo psicotico, come la schizofrenia.

Secondo il white paper dell'USC, altre ricerche hanno dimostrato che la legalizzazione della cannabis a livello statale è collegata a un aumento delle visite legate alla cannabis al pronto soccorso da parte di bambini e adolescenti e un aumento della guida con problemi di cannabis coinvolti.

"Un approccio di salute pubblica alla regolamentazione della cannabis consiste nell'incentivare i consumatori in un modo che massimizzi i benefici e riduca i danni",Rosalie Liccardo Pacula, PhD, ricercatrice senior presso l'USC Schaeffer Center ed Elizabeth Garrett Chair in Health Policy, Economics & Law presso la USC Price School of Public Policy, ha detto a Healthline.

Pacula ha aggiunto che un approccio di salute pubblica al modo in cui i prodotti a base di cannabis vengono venduti e sviluppati è "tenere presente che livelli più elevati di THC inducono più danni e maggiori rischi per la salute".

Le leggi sulla cannabis variano a seconda dello stato

Negli Stati Uniti, la cannabis è illegale a livello federale, sebbene molti stati abbiano approvato leggi che consentono l'uso medico e/o ricreativo della cannabis.

Un disegno di legge introdotto negli Stati UnitiIl Senato del 21 luglio depenalizzerebbe la cannabis a livello federale e consentirebbe agli stati di stabilire le proprie leggi sulla cannabis.Altre proposte di legge alla Camera e al Senato sono in lavorazione.

Sebbene questo possa sembrare uno sviluppo positivo per gli appassionati di cannabis, Pacula ha espresso preoccupazione. "Se il governo federale legalizza la cannabis senza mettere un limite [THC], non ne avremo mai uno", ha detto. "Gli unici stati che hanno messo in atto limiti di potenza sono stati quelli che lo hanno fatto quando hanno legalizzato la cannabis per la prima volta".

Le attuali leggi statali sulla cannabis variano in termini di limiti alle quantità di acquisto e limiti di potenza.Ad esempio, il Vermont e il Connecticut sono gli unici stati che hanno fissato limiti di potenza del THC sia per i fiori che per i concentrati di cannabis, secondo i ricercatori della USC.

Pacula ha affermato che i limiti fissati da questi due stati sono "probabilmente ragionevoli per il mercato statunitense, anche se potrebbero essere ancora troppo elevati. Ma sto bene lasciando che sia, invece di non impostare affatto un limite. ”

Inoltre, lei e i suoi colleghi sottolineano che la maggior parte degli stati che limitano le vendite di cannabis lo fanno in base al peso e al tipo del prodotto piuttosto che alla quantità di THC contenuta nel prodotto.Ciò consente alle persone di acquistare contemporaneamente una grande quantità di prodotti a base di cannabis di maggiore potenza.

L'uso eccessivo di cannabis è sconsigliato

Le politiche che i ricercatori dell'USC delineano nel white paper scoraggerebbero l'uso eccessivo di cannabis, in particolare l'uso di prodotti ad alto contenuto di THC come edibili e concentrati di cannabis.

"In questo momento il fiore [di cannabis] è il prodotto principale venduto, ma stiamo assistendo a un enorme passaggio al concentrato di oli da vaporizzazione, mentre gli edibili si sono stabilizzati sul mercato",disse Pacula.

Mentre le politiche delineate nel white paper si concentravano sul contenuto di THC dei prodotti a base di cannabis, Liz Rogan, fondatrice del The Cannabis Business Council della contea di Santa Barbara, ha affermato che ciò non tiene conto del ruolo che i diversi componenti della cannabis possono svolgere negli effetti inebrianti o di altro tipo di Questi prodotti.

Pacula ha sottolineato, tuttavia, che gli standard dovrebbero essere adattati poiché sono disponibili dati scientifici aggiuntivi sui rischi associati a diverse dosi di THC.Questi aggiornamenti politici potrebbero anche tenere conto della nuova scienza sugli effetti di altri componenti della cannabis.

"Ci sono voluti decenni per capire l'alcol e cosa fosse una bevanda standardizzata",disse Pacula. "Quindi dovremmo impostare questi limiti e attendere almeno 5 anni prima di regolarli perché ci vorrà del tempo prima che la scienza venga fuori".

Alcune preoccupazioni sui tappi di THC

R.Lorraine Collins, PhD, professoressa e preside associata per la ricerca presso la School of Public Health and Health Professions dell'Università di Buffalo, sostiene le politiche proposte dal white paper.Ha affermato che stabilire limiti di THC per i prodotti a base di cannabis e tassare i prodotti basati sul contenuto di THC sarebbe facile da implementare, definendo queste strategie un "eccellente inizio".

Affinché un limite di THC funzioni, Collins ha affermato che le leggi dovrebbero limitare la potenza di tutti i prodotti a base di cannabis, compresi quelli che provengono direttamente dalla pianta di cannabis e quelli derivati ​​dalla canapa o dalla cannabis.

"L'industria della cannabis è molto intelligente", ha detto. "Una delle cose che fanno è se dici che limiterai la potenza dei fiori di cannabis, aumenteranno la potenza di altri prodotti a base di cannabis. Quindi la chiave è limitare il THC a "tutti i prodotti a base di cannabis"."

Inoltre, ha affermato che le leggi dovrebbero essere sufficientemente ampie da coprire i prodotti a base di cannabis sviluppati in futuro.

Per quanto riguarda i limiti individuali sugli acquisti di cannabis, Collins ha espresso alcune riserve su questa politica poiché gli Stati Uniti non hanno limiti simili per altri prodotti per adulti come alcol e tabacco.

Rogan ha concordato: “Si tratta di un adulto di cui stiamo parlando. Questo è qualcuno che dovrebbe essere in grado di prendere le proprie decisioni", ha detto. “Torna davvero alla scelta personale: hai [la] libertà di fare quello che vuoi; speriamo che tu sia responsabile".

Inoltre, Collins ha affermato che i limiti di acquisto individuali potrebbero non essere molto efficaci. "Cosa impedisce a una persona di passare da un punto vendita al dettaglio?" lei disse. "Potresti accumulare molta cannabis in questo modo, anche se c'è un limite a quanto puoi acquistare alla volta".

Rogan è anche preoccupato per l'impatto che un tetto ai limiti di THC e ai limiti di acquisto potrebbe avere sulle persone che usano cannabis per curare condizioni mediche.

"Quando stai curando il cancro o il dolore cronico, hai spesso bisogno di alte dosi di THC", ha detto. "Quindi è giusto che quella persona debba andare al dispensario [di cannabis] ogni giorno e comprare più spesso perché non può acquistare i prodotti in forma concentrata?"

Vantaggi della regolamentazione federale

Mentre stati come il Connecticut e il Vermont hanno limiti più severi sul contenuto di THC, i ricercatori dell'USC sostengono che la regolamentazione federale assicurerebbe che la salute pubblica sia protetta equamente in tutto il paese.

"Non incentivi i buoni standard del settore della cannabis se lasci che gli stati varino questi limiti",disse Pacula. "Sarà molto più facile farlo a livello federale".Un limite federale, ha aggiunto, stabilirebbe solo la potenza massima per i prodotti a base di cannabis.Gli Stati potrebbero avere leggi più restrittive.

Inoltre, ora esiste un precedente per il governo federale di regolamentare il contenuto massimo di THC dei prodotti a base di cannabis.

"La FDA, che alla fine ha ottenuto l'autorizzazione a regolamentare i prodotti a base di nicotina, è in grado di fare cose come fissare un limite alla quantità di nicotina nelle sigarette o rimuovere determinati tipi di aromi dal tabacco",ha detto Collins.

Collins ha osservato che avere leggi sulla cannabis diverse in ogni stato - in particolare i limiti di THC - potrebbe portare le persone in luoghi con leggi più restrittive ad acquistare cannabis negli stati vicini con normative più clementi.Qualcosa di simile è accaduto prima che tutti gli stati fissassero 21 anni come età minima per bere alcolici, ha detto.

Tuttavia, Collins ha affermato che molte persone saranno attratte dal mercato legale della cannabis per ciò che offre: essere in grado di acquistare prodotti sicuri e contenere esattamente ciò che dovrebbero.

"Non devi preoccuparti se la tua erba viene tagliata con fentanil o un altro farmaco che potrebbe farti del male", ha detto. "Inoltre, non devi preoccuparti della scarsa coltivazione che porta alla formazione di muffe che potrebbero danneggiarti quando fumi cannabis".

Porta via

Una nuova ricerca presenta un argomento convincente per la regolamentazione della cannabis a livello federale.La depenalizzazione della cannabis potrebbe aiutare a limitare le vendite e l'uso di prodotti a base di cannabis ad alta potenza, che gli studi hanno dimostrato rappresentano un pericolo per la salute umana.

Anche con la legalizzazione federale, tuttavia, esperti come Collins e Rogan affermano che fissare limiti al THC potrebbe comunque spingere i consumatori ad acquistare prodotti di maggiore potenza nel mercato illegale della cannabis.

"Se le persone sono preoccupate per i giovani, in particolare i maschi di età pari o inferiore a 26 anni, che usano prodotti ad alto contenuto di THC, il sistema legale sarà migliore",ha detto Rogan. "Perché almeno sanno cosa stanno ottenendo rispetto a se stanno ottenendo un prodotto all'angolo di una strada".

Tutte le categorie: Blog