Sitemap
  • Molti americani usano integratori alimentari, ma potrebbero non comprendere i rischi di tali prodotti, comprese le potenziali interazioni con altri integratori o farmaci da prescrizione.
  • La FDA sta lanciando "Supplement Your Knowledge", questa nuova iniziativa mira a informare i consumatori e altri su vitamine, minerali, erbe e altri integratori.
  • La FDA raccomanda alle persone di parlare con il proprio medico, farmacista o altro operatore sanitario prima di utilizzare un integratore alimentare.

Più della metà degli americaniutilizzare integratori alimentari, secondo indagini nazionali, alimentando aindustria da miliardi di dollari.

Tuttavia, gli studi dimostrano che molte persone non conoscono abbastanza i principi attivi degli integratori, i dosaggi raccomandati, i possibili effetti collaterali e le interazioni farmacologiche.

La Food and Drug Administration (FDA) spera di colmare questa lacuna fornendo nuove risorse online a consumatori, operatori sanitari ed educatori.

Conosciuto come "Integra la tua conoscenza”, questa nuova iniziativa mira a informare i consumatori, gli educatori e gli operatori sanitari su vitamine, minerali, erbe e altri integratori.

"Gli integratori alimentari possono essere preziosi per la salute, ma l'assunzione di alcuni integratori può anche comportare rischi per la salute",Douglas Stearn, vicedirettore per gli affari normativi presso il Center for Food Safety and Applied Nutrition della FDA, ha affermato in un comunicato stampa.

"È importante che i consumatori abbiano una comprensione completa degli integratori alimentari, nonché la capacità di identificare e utilizzare in sicurezza gli integratori benefici per la loro salute", ha aggiunto.

Necessità “enorme” di educazione sugli integratori

Gli integratori alimentari includono una vertiginosa gamma di prodotti: vitamine e minerali combinati in un'unica pillola o come singoli componenti, prodotti a base di erbe e integratori multi-ingredienti che promettono più energia, maggiore perdita di peso o migliori prestazioni sportive.

Tuttavia, la comprensione da parte del pubblico di questi prodotti - come sono regolamentati, se funzionano e se sono sicuri - è molto al di sotto del livello che gli esperti ritengono necessario.

Dott.Igor Koturbash, professore associato e co-direttore del Center for Dietary Supplements Research presso l'Università dell'Arkansas for Medical Sciences, elogia la FDA per aver creato risorse sugli integratori alimentari per il pubblico in generale e gli operatori sanitari.

Ha detto che c'è un "enorme" bisogno di informare il pubblico sugli integratori alimentari, indicando diverse percezioni errate che molte persone hanno su di loro.

Inoltre, "pur avendo un background medico, molti medici [medici] semplicemente non hanno alcuna conoscenza degli integratori, compreso il modo in cui sono regolati e le interazioni tra integratori e farmaci", ha affermato.

Lina Begdache, PhD, RDN, assistente professore presso il Decker College of Nursing & Health Sciences presso la Binghamton University, concorda sul fatto che è necessaria una maggiore educazione sugli integratori alimentari, soprattutto tra i giovani adulti che sono presi di mira dalle aziende che commercializzano questi prodotti.

Alcuni college e università stanno già cercando di aiutare gli studenti a fare scelte informate sugli integratori.

In un articolo pubblicato online nel 2018 sul Journal of Dietary Supplements, Begdache e i suoi colleghi hanno scoperto che educare gli studenti universitari sugli integratori alimentari sembra incoraggiare un "modello responsabile" di uso degli integratori.

Tuttavia, questo tipo di educazione formale sugli integratori potrebbe non essere sufficiente per contrastare il marketing delle aziende per invogliare questa fascia di età.

"L'industria degli integratori si rivolge ai giovani adulti attraverso canali non convenzionali, in particolare piattaforme di social media utilizzate principalmente da questa coorte", ha affermato Begdache. "Pertanto, oltre all'istruzione convenzionale in classe, c'è bisogno di educare attraverso i canali utilizzati dai giovani adulti".

Gli integratori sono regolamentati come cibo, non come farmaci

Una delle più grandi percezioni errate sugli integratori alimentari è che sono regolati dalla FDA allo stesso modo dei farmaci da prescrizione.

Non sono.

Invece, la FDA regola gli integratori alimentari come una sottocategoria di alimenti ai sensi delLegge sulla salute e l'istruzione sugli integratori alimentari del 1994.

Koturbash ha affermato che di conseguenza, i produttori di integratori alimentari non devono condurre studi che dimostrino che i loro prodotti sono sicuri o efficaci, a differenza delle aziende farmaceutiche, che eseguono ampi studi clinici prima che un farmaco possa essere immesso sul mercato.

Ciò significa che un integratore può essere del tutto inutile o addirittura potenzialmente pericoloso.

"Molte persone non sono consapevoli del fatto che l'industria degli integratori non è regolamentata dalla FDA allo stesso modo dei prodotti farmaceutici", ha affermato Begdache. "A causa di questa mancanza di conoscenza, c'è un'enorme fiducia negli integratori come potenziali terapie e potenziatori della salute".

Se un integratore risulta essere dannoso, ad esempio quando un prodotto contiene componenti nocivi, la FDA può farloagireper proteggere il pubblico.

Ciò può comportare la richiesta a un'azienda di risolvere il problema o il richiamo volontario di un supplemento.Se il potenziale pericolo è abbastanza grave, la FDA prenderà provvedimenti per rimuovere il prodotto dal mercato.

L'agenzia prenderà provvedimenti anche contro le aziende che affermano che i loro integratori possono curare o prevenire una malattia.Questo tipo di dichiarazioni è consentito solo per i farmaci che sono stati sottoposti a test clinici approfonditi e alla revisione della FDA.

L'attuale approccio lassista alla regolamentazione degli integratori negli Stati Uniti potrebbe presto cambiare, in qualche modo.

La FDA ha rilasciatoprogetto di guidaa maggio ciò richiederebbe ai produttori di sottoporre i loro prodotti alla revisione della sicurezza della FDA se contengono "nuovi ingredienti dietetici" (NDI).

Un NDI è un ingrediente come una vitamina, un minerale o un probiotico che non è stato presente nella fornitura alimentare come articolo utilizzato per il cibo o in un altro integratore alimentare.

"Nuovo" indica qualsiasi ingrediente non commercializzato prima del 1994.

Secondo la guida, se una società non lo facesse prima di vendere il proprio integratore, la FDA considererebbe il prodotto "adulterato".L'agenzia potrebbe quindi adottare misure per incoraggiare il produttore a conformarsi al regolamento o per rimuovere il prodotto dal mercato.

Cosa significa il termine "Naturale".

Koturbush ha affermato che un'altra percezione errata comune sugli integratori alimentari è che "naturale" significa sicuro.

Molte cose "naturali" sono intrinsecamente dannose, ha sottolineato, come il veleno di serpente a sonagli e la pianta della digitale, che viene utilizzata per produrre la digossina, un farmaco per il cuore.

Inoltre, "negli ultimi 10-15 anni, il numero di lesioni epatiche indotte da farmaci associati ai prodotti botanici è aumentato in modo significativo", ha affermato.

Nel 2010-2014, la percentuale di danno epatico negli Stati Uniti causata da integratori a base di erbe o dietetici era del 19-20%, un aumento dal 7-9% nel 2004-2007, secondo due studi.

Molti degli integratori coinvolti nei casi di danno epatico lo sonocommercializzatoper la perdita di peso, il bodybuilding, il miglioramento della funzione sessuale, il benessere generale o la salute mentale.

Koturbash ha affermato che le persone che assumono integratori alimentari con più ingredienti sono maggiormente a rischio di danni al fegato, in particolare se stanno assumendo diversi prodotti.

Questi prodotti possono contenere gli stessi composti, quindi l'assunzione di più prodotti potrebbe spingerti oltre il dosaggio sicuro per alcuni di questi composti.Inoltre, esiste un rischio maggiore di interazioni dannose tra i composti.

A causa della mancanza di una regolamentazione della FDA, c'è anche il rischio che un integratore alimentare non contenga gli ingredienti elencati sull'etichetta - o "naturale" non significa naturale.

"Abbiamo visto parecchi casi in cui abbiamo fatto un'analisi chimica di alcuni prodotti [integratori alimentari] sul mercato e, invece di avere componenti naturali, in realtà aveva sintetizzato analoghi dei prodotti naturali", ha detto Koturbash.

Queste sostanze chimiche sintetizzate possono essere potenzialmente dannose.

Inoltre, gli integratori alimentari che sono sicuri da soli possono interagire con i farmaci da prescrizione, riducendo l'efficacia del farmaco o interagendo con esso per causare danni.

E anche se un integratore non causa danni, potrebbe comunque non offrire alcun beneficio.

Un recenterapportodagli Stati UnitiLa Task Force sui servizi preventivi ha rilevato che esistono prove "insufficienti" che l'integrazione con multivitaminici può aiutare a prevenire il cancro e le malattie cardiovascolari.

Trovare informazioni affidabili sugli integratori

La FDA raccomanda alle persone di parlare con il proprio medico, farmacista o altro operatore sanitario prima di iniziare a utilizzare un integratore alimentare.Uno dei motivi è che il supplemento può interagire con i farmaci da prescrizione o altri integratori.

Se riscontri una brutta reazione a un integratore alimentare, puoi segnalarlo utilizzando il portale di segnalazione sulla sicurezza della FDA.L'agenzia utilizza questi rapporti per aiutare a identificare i prodotti sul mercato che non sono sicuri.

Inoltre, i seguenti siti Web hanno informazioni affidabili sugli integratori alimentari, inclusi dosaggi sicuri, potenziali effetti collaterali e interazioni note di farmaci o integratori:

Tutte le categorie: Blog