Sitemap
  • Un disegno di legge di riconciliazione del bilancio del Senato mira a ridurre i costi dei farmaci per milioni di americani e ridurre la spesa per la droga da parte del governo federale.
  • Se la legislazione passa, le disposizioni saranno emanate nell'arco di diversi anni, quindi i beneficiari potrebbero non vedere immediatamente i cambiamenti nei loro costi diretti per i farmaci.
  • Due disposizioni del disegno di legge di riconciliazione mirano direttamente ai costi diretti dei farmaci dei beneficiari di Medicare.

Con il costo del cibo, del carburante e di altri beni di consumo che continua a crescere, i Democratici hanno puntato a regnare sul prezzo di una categoria di beni che ha a lungo teso i portafogli degli americani: i farmaci da prescrizione.

Il disegno di legge sulla riconciliazione del bilancio del Senato presentato dal leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, D-NY e dal senatore.Joe Manchin, D-WV, mira a ridurre i costi dei farmaci per milioni di americani e ridurre la spesa per la droga da parte del governo federale.

La maggior parte della legislazione, che potrebbe essere votata questo mese, si applica a Medicare e ai suoi beneficiari.

Include disposizioni che consentono al governo federale di negoziare il prezzo di alcuni farmaci ad alto costo, limita i costi diretti per i beneficiari di Medicare e penalizza i produttori di farmaci che aumentano i prezzi dei farmaci più velocemente dell'inflazione.

Poiché queste disposizioni fanno parte del disegno di legge di riconciliazione del bilancio, devono avere un impatto diretto sulla spesa pubblica o sulle entrate fiscali.

Se la legislazione passa, le disposizioni saranno emanate nell'arco di diversi anni, quindi i beneficiari potrebbero non vedere immediatamente i cambiamenti nei loro costi diretti per i farmaci.

Il disegno di legge sulla riconciliazione include anche misure per combattere il cambiamento climatico, che ha un impatto sulla salute di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo.

Negoziazione sul prezzo dei farmaci Medicare

Il disegno di legge di riconciliazione contiene una disposizione che consentirebbe all'agenzia Medicare di negoziare i prezzi di alcuni farmaci costosi acquistati in farmacia (Medicare parte D) o somministrati dai medici (Medicare parte B).

Il Medicare Modernization Act del 2003, che ha istituito il programma Parte D, ha vietato all'agenzia di negoziare i prezzi dei farmaci.

Questa disposizione si applica ai farmaci e ai farmaci biologici che sono sul mercato da diversi anni senza la concorrenza di farmaci generici o simili.

La negoziazione dei prezzi inizierebbe nel 2026, con il numero di farmaci negoziati limitato a 10-15 farmaci all'anno, quindi 20 nel 2029 e oltre.

L'impatto della disposizione sui costi diretti dei beneficiari di Medicare dipenderà da quali farmaci vengono scelti per la negoziazione del prezzo e da quanto diminuisce il loro prezzo.

Ken Thorpe, PhD, professore di politica sanitaria alla Emory University e presidente della Partnership to Fight Chronic Disease, è favorevole a limitare il costo dei farmaci a beneficio delle persone con condizioni di salute croniche, cosa che già fanno alcuni piani di farmaci da prescrizione Medicare Advantage.

"Molti pazienti Medicare stanno assumendo farmaci per un'intera gamma di malattie croniche senza co-pay o con un limite minimo", ha affermato. "E ha aumentato l'aderenza e pensiamo che riduca la spesa complessiva".

Poiché alcuni beneficiari stanno già pagando bassi costi per farmaci che potrebbero finire per essere negoziati, i loro costi diretti potrebbero non cambiare.

"Questo potrebbe non essere il tipo di cosa che un paziente che entra in farmacia noterà, perché ciò che stanno buttando sul bancone per ottenere il farmaco non cambierà", ha affermato Karen Van Nuys, PhD, direttore esecutivo del valore del progetto di innovazione delle scienze della vita presso l'USC Schaeffer Center for Health Policy & Economics.

Tuttavia, "sul back-end, ciò che costerà al sistema Medicare sarà inferiore - o dovrebbe essere inferiore - come risultato di ciò", ha affermato.

Il Congressional Budget Office (CBO) stima che la negoziazione dei prezzi si tradurrà in $ 101,8 miliardi di risparmi Medicare in 10 anni (dal 2022 al 2031).

Si prevede che tutte le disposizioni sui farmaci da prescrizione combinate ridurranno il deficit federale di $ 287,6 miliardi durante quel periodo, stima il CBO.

Sebbene la disposizione di negoziazione del prezzo sia incentrata su Medicare, Van Nuys ha affermato che anche le persone con assicurazione privata potrebbero trarne vantaggio.

"Potrebbe essere che i gestori dei benefici della farmacia guarderanno al prezzo che stanno ottenendo per un farmaco nel mercato Medicare e saranno in grado di sfruttarlo anche nei piani privati", ha affermato.

I gestori dei benefici della farmacia, o PBM, negoziano con le aziende di farmaci da prescrizione per conto di assicuratori sanitari, grandi datori di lavoro e piani Medicare Part D.

I PBM sono solo uno dei tanti intermediari nel mercato dei farmaci da prescrizione tra i produttori di farmaci e il consumatore, altri includono grossisti, farmacie e piani sanitari.

Van Nuys ha affermato che alcuni di questi giocatori potrebbero anche finire per beneficiare delle disposizioni sulla droga nel disegno di legge sulla riconciliazione.

"Questa negoziazione sui prezzi di Medicare abbasserà i prezzi che i produttori ottengono per questi farmaci", ha affermato. "Ma non vedo nulla nella legislazione che assicuri che quei risparmi non vengano intascati da [PBM e altri] intermediari come hanno fatto nel mercato dell'insulina".

Limite di inflazione su Medicare e sui farmaci assicurativi privati

La legislazione richiederebbe anche alle compagnie farmaceutiche di pagare sconti se il prezzo del loro farmaco aumenta più velocemente dell'inflazione; questo vale sia per il mercato Medicare che per quello assicurativo privato.

Questo e le disposizioni sulla negoziazione dei prezzi sono simili alle misure approvate nel novembre 2021 dalla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Secondo un'analisi della Kaiser Family Foundation (KFF), dal 2019 al 2020, metà dei farmaci soggetti a prescrizione medica coperti da Medicare ha registrato aumenti di prezzo superiori all'inflazione per quel periodo.

Il modo in cui il tetto all'inflazione incide sui costi vivi per le persone con Medicare o assicurazioni private dipenderà da quali farmaci sono interessati e da quanto cambia il prezzo a seguito di questa disposizione.

La disposizione può anche aiutare a impedire che i premi assicurativi aumentino troppo rapidamente perché i costi dei farmaci per l'assicuratore potrebbero essere inferiori.

Tuttavia, Van Nuys ha affermato che una preoccupazione è che i produttori di farmaci potrebbero compensare il limite di inflazione lanciando nuovi farmaci a un prezzo più elevato.

"Se imposti il ​​prezzo di lancio più alto, puoi continuare ad aumentarlo [al tasso di inflazione], ma hai una base più alta da cui partire", ha affermato.

Un'altra preoccupazione è che il tetto all'inflazione e la negoziazione del prezzo dei farmaci potrebbero ridurre lo sviluppo di farmaci futuri perché le aziende farmaceutiche avranno meno entrate per finanziare la ricerca e lo sviluppo.

Ma il CBO stima che 15 farmaci su 1.300 non raggiungeranno il mercato nei prossimi 30 anni a causa delle disposizioni in materia di droga nel disegno di legge di riconciliazione del bilancio.

Van Nuys ha detto che la stima del CBO è proprio questa, una stima; ma più importante del numero esatto è come sarà influenzata la salute delle persone.

"Non sappiamo quali farmaci non arriveranno sul mercato", ha detto. "Sarà la cura per l'Alzheimer, la cura per il cancro o la prossima statina?"

Limite dei costi diretti dei farmaci di Medicare

Due disposizioni del disegno di legge di riconciliazione mirano direttamente ai costi diretti dei farmaci dei beneficiari di Medicare.

Il primo eliminerebbe il requisito di coassicurazione del 5% per i beneficiari che sono al di sopra della soglia di copertura catastrofica di Medicare Part D (che attualmente è di $ 7.050 in spese vive per i farmaci).

Un'altra disposizione aggiungerebbe un tetto di $ 2.000 nel 2025 alla spesa viva per i farmaci acquistati in farmacia.

Se il disegno di legge venisse approvato, una volta che i beneficiari avessero speso $ 2.000 in farmaci, non avrebbero più costi per i farmaci per quell'anno.

Thorpe ha detto che in termini di protezione della salute dei pazienti, questo limite ha senso.

"Purtroppo, il limite di $ 2.000 è ancora troppo alto", ha detto, "ma è una mossa nella giusta direzione".

Queste due disposizioni andrebbero a beneficio di circa 1,4 milioni di iscritti a Medicare Part D senza sussidi a basso reddito, secondo KFF.Ciò include 1,3 milioni di beneficiari che hanno superato la soglia catastrofica nel 2020.

Queste due disposizioni saranno particolarmente utili per i pazienti che assumono un singolo farmaco speciale ad alto costo più recente, come per il cancro, la sclerosi multipla o l'epatite C.

Ma anche i beneficiari che assumono più farmaci relativamente costosi potrebbero trarne vantaggio, questo vale per molti beneficiari di Medicare.

"Un tipico paziente Medicare che sta aumentando i costi dei farmaci ha molteplici condizioni come ipertensione, diabete, lipidi elevati, BPCO o asma e depressione", ha affermato Thorpe.

Ridurre i costi diretti, tuttavia, non significa solo risparmiare denaro.

"Sappiamo che quando i pazienti hanno costi vivi inferiori, tendono ad aderire meglio ai loro farmaci", ha affermato Van Nuys. "E quando aderiscono meglio alle loro medicine, hanno meno esiti negativi sulla salute".

Maggiore copertura vaccinale per adulti

Una disposizione del disegno di legge di riconciliazione eliminerebbe la condivisione dei costi per i vaccini per adulti coperti da Medicare.Un secondo richiederebbe la copertura dei vaccini per adulti per gli adulti iscritti a Medicaid o al programma di assicurazione sanitaria per bambini (CHIP).

Espandi l'idoneità per le sovvenzioni a basso reddito (LIS) della parte D

Questa disposizione fornirebbe ai beneficiari redditi fino al 150% del livello di povertà federale con sussidi completi per i redditi bassi.Di conseguenza, non pagherebbero alcun premio o franchigia per Medicare Part D e co-pagamenti minimi per i farmaci da prescrizione.

Attualmente, le persone con un reddito compreso tra il 135% e il 150% del livello di povertà federale ricevono sussidi parziali a basso reddito.

Tutte le categorie: Blog