Sitemap
  • Un nuovo studio rileva che il 66% dei genitori che lavorano soddisfa i criteri per avere il burnout.
  • Il burnout è quando lo stress e l'esaurimento sopraffanno la capacità di una persona di funzionare o di far fronte a eventi difficili.
  • I risultati si basano su un'indagine di quasi 1.300 genitori.

Secondo una nuova ricerca della Ohio State University (OSU), molti genitori stanno vivendo un "esaurimento" a causa dello stress indotto dalla pandemia di COVID-19.

Il nuovo studio rileva che il 66% dei genitori che lavorano durante la pandemia ha soddisfatto i criteri per il burnout dei genitori, che si verifica quando lo stress cronico e l'esaurimento sopraffanno la capacità di un genitore di funzionare o far fronte allo stress.

"Penso che questo studio rifletta quanto stanno lottando i genitori e quanto la pandemia abbia avuto un impatto sui genitori e sulle loro relazioni con i loro figli", uno degli autori dello studio, Kate Gawlik, DNP, RN, professore associato di infermieristica clinica presso The L'Ohio State University College of Nursing e un'infermiera professionista, hanno detto a Healthline.

"Noi, come genitori, possiamo fare solo così tanto e stiamo facendo del nostro meglio", ha continuato.

I ricercatori hanno intervistato i genitori durante il culmine della pandemia

I risultati si basano sui dati del sondaggio di 1.285 genitori che lavorano, raccolti tra gennaio e aprile 2021, prima che i vaccini fossero approvati per i bambini e mentre erano ancora in vigore molte restrizioni pandemiche.

Studi precedenti hanno riscontrato che il burnout dei genitori è distinto dal burnout lavorativo più comunemente riconosciuto associato a occupazioni ad alto stress come la legge e l'assistenza sanitaria.

Un ricercatore ha intervistato 900 genitori e ha scoperto che il burnout dei genitori può essere vissuto come esaurimento nel tuo ruolo genitoriale, sentirsi diverso dal tuo precedente sé genitoriale e può portare a sentimenti di stufo e anche a sentirsi emotivamente distanti dai tuoi figli.

Secondo Bernadette Melnyk, PhD, vicepresidente per la promozione della salute, responsabile del benessere dell'università e preside del College of Nursing dell'OSU, il burnout dei genitori non colpisce solo i genitori, ma colpisce anche negativamente i loro figli.

"Non solo il burnout dei genitori è associato a un aumento di ansia, depressione e consumo di alcol, ma è correlato a pratiche genitoriali punitive o più dure", ha affermato Melnyk.

La ricercatrice è stata motivata dalle sue esperienze personali

Gawlik ha spiegato che diversi mesi dopo l'inizio della pandemia, si sentiva esausta.

"Stavo cercando di fare tutto per tutti", ha detto.

“Stavo cercando di tenere il passo con le mie responsabilità lavorative, scolare a casa i miei bambini delle scuole elementari e prescolari, essere un buon coniuge, mettere i pasti in tavola, pulire la mia casa, essere un sistema di supporto emotivo per la mia famiglia, tra le altre cose. "

Gawlik ha detto che era esausta nel cercare di stare al passo con tutto quando si è imbattuta nel termine burnout dei genitori e ha pensato tra sé e sé: "Ecco fatto", questo è ciò che sta provando.

"E sapevo di non essere la sola a sentirmi così", ha detto.

"Ho pensato che sarebbe stato interessante condurre uno studio e saperne di più sui genitori, in particolare sui genitori che lavorano come me, che stavano vivendo un esaurimento con la speranza di utilizzare queste informazioni per informare gli interventi per aiutare le persone colpite e, infine, migliorare le relazioni genitore-figlio, ” ha continuato.

Lo stress dei genitori può influire negativamente sui bambini

Melnyk ha detto che il burnout dei genitori e altre emozioni vengono trasmesse ai bambini.

"Ad esempio, è probabile che i genitori ansiosi abbiano figli ansiosi", ha detto. "È probabile che i genitori esauriti abbiano figli che hanno problemi di ansia/depressione e comportamenti di recitazione".

Ha avvertito che dobbiamo "agire con urgenza" per aiutare i genitori che stanno vivendo il burnout per evitare crisi per i genitori e problemi di salute mentale nei loro figli.

Perché i genitori dovrebbero concentrarsi sui propri bisogni

Dott.Alex Dimitriu, con doppia certificazione in psichiatria e medicina del sonno e fondatore di Menlo Park Psychiatry & Sleep Medicine e BrainfoodMD, ha osservato che i genitori devono prima concentrarsi su se stessi.

"La cura di sé è la prima priorità", ha detto. "È obbligatorio per il genitore o il caregiver assicurarsi che i propri bisogni biologici di base siano soddisfatti, oltre al lavoro e alla genitorialità".

Dimitriu consiglia ai caregiver di concentrarsi sui loro bisogni primari.

Raccomanda ai genitori di seguire "SEMM", che sta per sonno, esercizio fisico, dieta mediterranea o un'altra dieta sana e meditazione, o almeno assicurarsi che abbiano regolarmente del tempo tranquillo e "da soli".

Melnyk ha detto che non è egoistico praticare una buona cura di sé, aggiungendo che è necessario prendersi cura degli altri.

"Come parte della buona cura di sé, i genitori devono fare alcune brevi pause di recupero durante il giorno", ha detto.

Ciò può includere bere una bevanda calda lentamente mentre ci si concentra sul momento presente, fare un po' di attività fisica e fare dei respiri addominali profondi quando ci si sente stressati, raccomanda Melnyk.

Consiglia ai genitori di essere "auto-compassionevoli" e di non riporre aspettative così alte su se stessi che sono difficili da vivere.

"Dobbiamo migliorare nel dire di no senza sensi di colpa, poiché il senso di colpa e la preoccupazione sono le due emozioni più sprecate", ha detto.

Melnyk ha notato l'importanza di praticare la resilienza e le capacità di coping che fungono da fattori protettivi contro burnout, depressione e ansia.

"Come la consapevolezza, l'assunzione di una dose di vitamina G per gratitudine ogni giorno e lo sviluppo di abilità cognitivo-comportamentali", ha affermato Melnyk.

Ha anche detto che i genitori dovrebbero chiedere aiuto, specialmente se stanno vivendo un esaurimento, ansia o depressione al punto da interferire con la loro concentrazione, giudizio o funzionamento.

“È una forza per riconoscere quando abbiamo bisogno di aiuto, non una debolezza. Spostiamo il nostro attuale paradigma dall'assistenza ai malati/crisi al benessere e alla prevenzione!”ha detto Melnyk.

La linea di fondo

Una nuova ricerca rileva che quasi il 70% dei genitori sperimenta il burnout a causa dello stress legato alla pandemia.

Gli esperti affermano che la pandemia ha messo a dura prova i genitori e i loro figli poiché lo stress cronico e l'esaurimento sopraffanno la capacità dei genitori di funzionare o far fronte allo stress.

Dicono anche che la cura di sé è una priorità per mitigare il burnout, e non è egoistico mettere al primo posto i propri bisogni o la debolezza chiedere aiuto quando ci si sente sopraffatti.

Tutte le categorie: Blog