Sitemap
Condividi su Pinterest
Gli esperti affermano che limitare il nostro mangiare alle ore diurne può aiutare con il diabete di tipo 2.Basak Gurbuz Derman/Getty Images
  • I ricercatori affermano che limitare il consumo di cibo a una finestra di 10 ore durante le ore diurne può aiutare le persone con diabete di tipo 2.
  • Hanno detto che questo programma di dieta aderisce ai ritmi naturali del corpo e può aiutare con i livelli di zucchero nel sangue.
  • Gli esperti affermano che il piano è vantaggioso per la maggior parte delle persone con diabete di tipo 2, ma le persone con disturbi alimentari, donne in gravidanza, persone con diabete di tipo 1 e bambini dovrebbero parlare con un medico prima di adottarlo.
  • Aggiungono che le persone dovrebbero scegliere un programma di dieta che possono gestire per un lungo periodo di tempo.

Limitare il consumo di cibo a una finestra di 10 ore durante il giorno potrebbe avere benefici per la salute delle persone con diabete di tipo 2.

Questo secondo una ricerca pubblicata oggi che riporta che un protocollo di alimentazione a tempo limitato (TRE) può comportare miglioramenti della salute metabolica negli adulti con diabete di tipo 2, inclusa una diminuzione dei livelli di glucosio nelle 24 ore.

“Un regime TRE diurno di 10 ore per tre settimane riduce i livelli di glucosio e prolunga il tempo trascorso nel normale intervallo di zucchero nel sangue negli adulti con diabete di tipo 2 rispetto alla diffusione dell'assunzione giornaliera di cibo su almeno 14 ore. Questi dati evidenziano il potenziale beneficio di TRE nel diabete di tipo 2", hanno scritto gli autori dello studio.

Ricerche precedenti hanno indicato che mangiare a tempo limitato può avere effetti metabolici positivi nelle persone con obesità o sovrappeso.I ricercatori hanno affermato che limitare il consumo di cibo a una finestra inferiore a 12 ore può ridurre i livelli di zucchero nel sangue, migliorare la sensibilità all'insulina e aumentare la combustione dei grassi.

Gli autori del nuovo studio osservano che in molti paesi occidentali il cibo è disponibile 24 ore al giorno e la tendenza a mangiare fuori casa per un lungo periodo può essere problematica.

“Nella società occidentale, la maggior parte delle persone tende a distribuire l'assunzione giornaliera di cibo per un minimo di 14 ore, probabilmente con conseguente assenza di un vero stato di digiuno notturno. Limitare l'assunzione di cibo a una finestra temporale predefinita (in genere inferiore a 12 ore)... ripristina il ciclo del mangiare diurno e il digiuno prolungato durante la sera e la notte", hanno scritto gli autori dello studio.

Reazione degli esperti

Dana Hunnes, PhD, MPH, dietista clinica senior presso l'Università della California Los Angeles Medical Center e assistente professore presso la UCLA Fielding School of Public Health, afferma che mangiare in modo irregolare può esercitare pressione sul corpo.

“I nostri corpi hanno un ritmo circadiano. Come la Terra ha un ritmo quotidiano, così anche i nostri corpi. Se non allineiamo le nostre abitudini alimentari con i ritmi migliori/più sani, può aumentare il nostro rischio di malattie croniche e infiammazioni.Hunnes ha detto a Healthline.

"Quando abbiamo cibo disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in gran parte altamente trasformato, è stressante per i nostri corpi e non segue i sani ritmi circadiani/omeostasi in cui i nostri corpi amano trovarsi", ha aggiunto. "Quindi, quando mangiamo fuori ritmo, è altamente stressante e diminuisce la salute cardiometabolica e può influenzare la nostra risposta ormonale (inclusa l'insulina) e peggiori risultati sulla salute, specialmente per le persone con diabete di tipo 2".

Seguire un protocollo alimentare limitato nel tempo può contrastare questo impatto negativo del mangiare durante il giorno limitando i tempi di assunzione del cibo e prolungando il periodo di digiuno serale e notturno.

Dott.Marilyn Tan, professore associato di medicina in endocrinologia, gerontologia e metabolismo presso la Stanford University in California, afferma che un protocollo alimentare limitato nel tempo è benefico per molte persone con diabete di tipo 2.Tuttavia, le persone con diabete di tipo 2 che assumono insulina dovrebbero prima parlare con il proprio medico.

"Per i pazienti che assumono farmaci per il diabete che non comportano un rischio di ipoglicemia, va bene fare il digiuno intermittente",Tan ha detto a Healthline. “Tuttavia, se un paziente assume insulina, insulina ad azione prolungata o insulina durante i pasti, o entrambi, è importante discuterne con il medico perché, ad esempio, quando non mangi di solito non vogliamo che tu prenda il insulina durante i pasti. Oppure, se non stai mangiando potenzialmente, potresti aver bisogno di un'insulina ad azione meno prolungata".

Come il corpo elabora il glicogeno

In genere, quando una persona non sta mangiando, il corpo consuma glicogeno per alimentarsi.

Il glicogeno è una forma di carboidrato immagazzinato che si trova nel fegato e anche immagazzinato nei muscoli.Quando il corpo esaurisce il glicogeno, passerà agli acidi grassi liberi come forma successiva di carburante.

Questo a sua volta produce chetoni, che possono ridurre l'infiammazione, migliorare la sensibilità all'insulina e, infine, migliorare i livelli di glucosio.

"L'obiettivo del digiuno intermittente per le persone con diabete è quello di alimentare l'energia del corpo bruciando le riserve di grasso e di perdere peso extra, migliorare la sensibilità all'insulina e abbassare i livelli di zucchero nel sangue. I risultati dello studio sono coerenti con gli obiettivi del digiuno intermittente,”Lauri Wright, PhD, RDN, presidente del Dipartimento di nutrizione e dietetica dell'Università della Florida settentrionale, ha detto a Healthline.

“Per la maggior parte, il digiuno intermittente è sicuro. Non è appropriato per le persone con diabete di tipo I, una storia di disturbi alimentari, donne in gravidanza o bambini sotto i 18 anni", ha osservato.

Consigli per una sana alimentazione

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)consigliache quando si tratta di dieta, è importante trovare un piano che possa essere seguito per tutta la vita.

Un piano incentrato su un'alimentazione sana e anche sostenibile è un buon punto di partenza.

Il CDC ha12 consigliper una sana alimentazione.Includono anticipare i momenti della giornata in cui uno spuntino potrebbe essere allettante, ad esempio dopo una dura giornata di lavoro.

Tan dice che i suoi clienti hanno scoperto che mangiare a tempo limitato è uno dei programmi dietetici più facili da seguire, in particolare per coloro che sono impegnati.

"Molti dei miei pazienti trovano che questa sia effettivamente una delle diete più sostenibili perché non sei tanto concentrato sul contenuto di cibo, di per sé, poiché sei solo il tempismo", ha spiegato. "E in realtà, per le persone impegnate l'alimentazione a tempo limitato funziona meglio... non devi preoccuparti dei tuoi pasti durante il giorno. Se hai questa finestra limitata per mangiare, molti pazienti in realtà la trovano molto più semplice e molto più sostenibile rispetto a molte diete molto specifiche”.

"Non devi concentrarti così tanto sulla scomposizione dei macronutrienti della dieta",Abbronzatura aggiunta. “Mentre con alcune diete, come una dieta chetogenica, può essere molto efficace a breve termine perdere una grande quantità di peso, è molto difficile sostenere quel tipo di dieta a lungo termine. Considerando che con il mangiare a tempo davvero limitato, stai solo cambiando i tempi del tuo mangiare. Non vedo grandi preoccupazioni per la sicurezza a lungo termine... a patto di discutere i tempi e il dosaggio dei farmaci con il medico prima di intraprendere una dieta".

Tutte le categorie: Blog