Sitemap

Una nuova ricerca mostra che l'aspirina aiuta gli acidi grassi omega-3 a combattere le malattie infiammatorie.

Il mantra dietetico "il grasso fa ingrassare" continua a svelarsi mentre la scienza mostra come i grassi buoni possono effettivamente aiutare a prevenire le malattie, con una spinta extra da un farmaco da banco.

Per anni, fare il pieno di cibi a basso contenuto di grassi è stata considerata la formula vincente per mantenersi in salute.Ma il grasso è un nutriente importante, aiuta a regolare gli ormoni e il metabolismo e a nutrire la nostra pelle e i nostri capelli.

Nuova ricerca pubblicata questa settimana sulla rivista Cell PressChimica e biologiamostra come la combinazione di acidi grassi omega-3 e aspirina può contrastare efficacemente condizioni infiammatorie come malattie cardiache e artrite.

Come Aspirina e Omega-3 collaborano

Gli scienziati hanno scoperto che l'aspirina innesca la produzione di molecole chiamate resolvine, che aiutano a spegnere o "risolvere" l'infiammazione che può causare malattie croniche.

"Abbiamo scoperto che una resolvina, denominata resolvina D3 dall'acido grasso omega-3 DHA, persiste più a lungo nei siti di infiammazione", ha affermato l'autore senior Dr.Charles Serhan del Brigham and Women's Hospital e della Harvard Medical School. "Questa scoperta suggerisce che questa risoluzione in fase di risoluzione tardiva D3 potrebbe mostrare proprietà uniche nel combattere l'infiammazione incontrollata".

I ricercatori hanno confermato che il trattamento con aspirina ha innescato la produzione di una forma di resolvina D3 ad azione più lunga attraverso un percorso diverso.

"L'aspirina è in grado di modificare un enzima infiammatorio per smettere di formare molecole che propagano l'infiammazione e invece producono molecole da acidi grassi omega-3, come la resolvina D3, che aiutano a far cessare l'infiammazione", ha affermato il coautore Dr.Nicos Petasis della University of Southern California.

Le resolvine sono prodotte naturalmente dall'organismo dagli acidi grassi omega-3, ma i ricercatori hanno scoperto che l'aspirina amplifica i loro effetti antinfiammatori.

"Considero l'aspirina a basso dosaggio come un tonico e preventivo che tutti dovrebbero prendere in considerazione, in particolare coloro che sono a rischio di malattie cardiovascolari", ha affermato il professore dell'Università dell'Arizona, il dott.Andrew Weil in una dichiarazione.

Di quanta aspirina e omega-3 ho bisogno?

Weil dice che puoi ottenere il massimo beneficio per la salute da un minimo di 81 milligrammi di aspirina al giorno, circa un quarto della quantità in una compressa standard, ma avverte che quelli con una storia di sanguinamento gastrointestinale dovrebbero essere cauti nell'assumere l'aspirina, anche a basse dosi.

I grassi continuano a essere fonte di confusione nel mondo della nutrizione, ma secondo il dott.David Servan-Schreiber, autore di AntiCancer, gli americani tendono ad avere da 10 a 15 volte più grassi omega-6 nei loro corpi rispetto agli omega-3.

Sebbene abbiamo bisogno di entrambi i tipi di grassi, le diete occidentali tendono a includere più grassi omega-6 presenti in molti cibi spazzatura trasformati.

Uno studio del 2010 condotto da ricercatori francesi ha suggerito che se passassimo a un equilibrio più sano di acidi grassi omega-6 e omega-3, saremmo più magri e più sani.

Puoi mangiare più acidi grassi omega-3 per aiutare a ripristinare il tuo equilibrio grasso personale.Alimenti come semi di lino, semi di chia, noci, verdure a foglia verde e pesci selvatici come salmone, sardine, aringhe e trote sono tutte ottime fonti di omega-3.Potresti anche provare un integratore alimentare omega-3 da banco.

Altro su Healthline.com:

Tutte le categorie: Blog