Sitemap
Condividi su Pinterest
Gli esperti affermano che indossare una maschera in aree interne affollate è un modo per ridurre il rischio di COVID-19.Irina Velichkina/Getty Images
  • Gli scienziati affermano che le reinfezioni da COVID-19 stanno diventando più comuni.
  • Dicono che questo non sia necessariamente sorprendente poiché il nuovo coronavirus muta in varianti più contagiose ma meno mortali.
  • Dicono che la migliore protezione contro le malattie gravi da COVID-19 sia essere vaccinati.
  • Aggiungono che a lungo il COVID rimane una preoccupazione per le reinfezioni.

Con l'arrivo della variante altamente contagiosa Omicron di COVID-19 e delle sue sub-varianti ancora più contagiose, le reinfezioni con il virus stanno diventando sempre più comuni.

Questo non vuol dire che tutti prenderanno necessariamente il COVID-19 o lo prenderanno più di una volta, ma la reinfezione dovrebbe essere vista come parte dell'arazzo di una "nuova normalità" per quanto riguarda il virus, affermano gli esperti.

"Due fattori principali si sono combinati per rendere più probabili le reinfezioni da COVID-19",Dott.Jason Lane, l'ufficiale medico capo del team di assistenza sanitaria e comunitaria di ChenMed, ha detto a Healthline. “In primo luogo, il virus continua a evolversi in nuove varianti. Alcuni sono chiaramente più propensi a sfuggire all'immunità precedente dall'infezione da varianti e vaccini più vecchi. In secondo luogo, la protezione immunitaria da precedenti infezioni e vaccini è diminuita nel tempo”.

Dott.Jerome Adams, un ex statunitenseChirurgo generale, per dirla in modo più schietto.

"Poiché l'immunità diminuisce nel tempo, c'è una probabilità del 100% che la reinfezione sarà una caratteristica permanente del COVID-19", ha detto a Healthline. "È proprio come con l'influenza, che può infettarti ogni anno o più volte all'anno a causa di una combinazione di nuove varianti e di un'immunità in declino. Il vaccino antinfluenzale annuale è il modo in cui instilliamo nel nostro sistema immunitario le conoscenze e gli strumenti per combattere il virus durante la stagione influenzale. Lo stesso vale, e continuerà ad esserlo, per il COVID-19”.

Sebbene i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) non tengano traccia dei dati sulle reinfezioni, studi di altri paesi suggeriscono che le reinfezioni stanno iniziando a dominare il panorama di COVID-19.

Uno studio dell'Imperial College London, ad esempio, ha rilevato che quasi due terzi dei casi di COVID-19 nel Regno Unito sono stati segnalati dagli intervistati come reinfezione.

Le vaccinazioni restano una difesa in prima linea

Nonostante la reinfezione tra i vaccinati e i non vaccinati stia diventando più comune, gli esperti affermano che i vaccini sono ancora una delle nostre migliori difese contro malattie gravi e morte per COVID-19.

Parte della confusione su questo deriva dai messaggi e dalle nostre precedenti aspettative su ciò che fanno i vaccini, ha affermato il dott.Emily Volk, presidente del College of American Pathologists.

"Quando il pubblico in generale pensa ai vaccini, quando la maggior parte di noi pensa ai vaccini, pensiamo di "impedire del tutto di contrarre la malattia", giusto?" ha detto a Healthline. “Che non prenderò affatto il morbillo se sarò vaccinato contro il virus del morbillo. Ed è così che funzionano alcuni vaccini. Tuttavia, alcuni vaccini, come il vaccino contro il coronavirus, non impediscono l'insorgere di malattie. Ma ha un impatto sul rischio di una malattia così grave da richiedere il ricovero in ospedale”.

I numeri lo hanno ampiamente confermato.

Mentre i casi di COVID-19 sono in aumento, i ricoveri e i decessi per virus non sono aumentati a un ritmo simile, suggerendo che i livelli esistenti di protezione immunitaria potrebbero avvantaggiare le persone in generale.

Volk, come molti altri, ha esperienza personale in merito.

"Sono stata vaccinata e potenziata al massimo grado possibile a questo punto, ma anche io ho avuto il COVID alcuni mesi fa", ha detto. “Ma è stato un caso lieve e non sono stato ricoverato in ospedale. Non ho richiesto alte dosi di steroidi. Non avevo bisogno di un letto d'ospedale né di occupare un posto in un pronto soccorso".

"Quindi, penso che ciò che stiamo vivendo ora sia molto prevedibile", ha continuato. “Stiamo vedendo il virus evolversi in un virus meno pericoloso di quanto non fosse nella sua forma originale. Ed è, in particolare, molto meno pericoloso per le persone che sono state vaccinate”.

Le lunghe domande sul COVID incombono

Mentre COVID-19 potrebbe diventare più mite e l'immunità nella comunità più solida, la questione di come la reinfezione influisca sulle sequele post-acute di COVID-19 (PACS), note anche come COVID-19 lungo, rimane irrisolta.

Il lungo COVID appare come un insieme di sintomi che persistono mesi dopo la scomparsa dell'infezione iniziale.I sintomi includono affaticamento, dolori muscolari, mancanza di respiro, difficoltà di concentrazione, mal di testa e perdita del gusto o dell'olfatto.

I ricercatori stanno cercando di capire di più sulla condizione e su come trattarla, che può interessare fino a una persona su quattro che contrae il COVID-19.

Ancora meno si sa su come la reinfezione influenzi il rischio lungo di COVID.

"Non si sa molto", ha detto il dott.Kami Kim, specialista in malattie infettive presso la University of South Florida e il Tampa General Hospital. “Non capiamo davvero chi e perché le persone si ammalano di COVID lungo. Non sembra essere la gravità della malattia".

Adams acconsentì.

"Al momento non ci sono prove che la reinfezione renda le persone più propense a sviluppare i sintomi post-COVID noti come COVID lungo, ma ciò non significa che non dovresti prendere precauzioni", ha detto. “La verità è che ogni infezione o reinfezione da COVID può potenzialmente portare a un lungo COVID. Ciò è particolarmente vero per le donne, le persone di mezza età e coloro che soffrono di obesità, nonché per coloro che hanno avuto gravi sintomi di COVID".

Riduci il rischio di reinfezione

Per ora, la riduzione del rischio di reinfezione e la diffusione del COVID-19 ad altri rimane la stessa.

Le raccomandazioni includono:

  • Lavarsi le mani regolarmente.
  • Indossa una maschera se ti senti male per evitare di diffondere la malattia ad altri.
  • Fare un test per il virus se pensi di essere stato esposto.
  • Indossare maschere n95 di alta qualità in spazi affollati in cui la diffusione della comunità è elevata.

“Il modo migliore per limitare il rischio di reinfezione è continuare a trattare il COVID per quello che è: un virus altamente contagioso”,disse Adams.

Tutte le categorie: Blog