Sitemap

Navigazione veloce

Condividi su Pinterest
Gli esperti affermano che i problemi di salute a lungo termine sono una preoccupazione se le persone contraggono il COVID-19 più di una volta.FG Trade/Getty Images
  • I ricercatori affermano che le reinfezioni da COVID-19 possono aumentare il rischio di ospedalizzazione e decessi per malattia.
  • Sottolineano che le vaccinazioni riducono i rischi, ma c'è ancora la possibilità di malattie gravi ad ogni reinfezione.
  • Gli esperti affermano che i risultati rafforzano l'idea che le persone dovrebbero continuare a indossare le maschere quando sono al chiuso e in luoghi affollati all'aperto.

Gli scienziati non sono sicuri se ci sia un effetto cumulativo sulla tua salute da ripetute infezioni da COVID-19.

Tuttavia, ciò che sembra chiaro è che ogni reinfezione comporta il rischio di malattie gravi, morte o disabilità a lungo termine.

La reinfezione "aggiunge rischi non banali di mortalità per tutte le cause, ospedalizzazione ed esiti avversi per la salute nella fase acuta e post-acuta della reinfezione", secondo un nuovo studio preliminare dei ricercatori della Washington University School of Medicine e del Sistema sanitario VA Saint Louis nel Missouri.

I ricercatori hanno esaminato milioni di cartelle cliniche dagli Stati UnitiDipartimento per gli affari dei veterani (VA).

Lo studio preliminare includeva dati su oltre 250.000 veterani che avevano un'infezione da COVID-19, quasi 39.000 persone che avevano una o più reinfezione e più di 5 milioni di persone in un gruppo di controllo.

"Il rischio e il carico [della malattia] sono aumentati in modo graduale in base al numero di infezioni", hanno scritto gli autori dello studio, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria o pubblicato su una rivista medica.

I ricercatori hanno riferito che la probabilità di esiti negativi sulla salute dovuti alla reinfezione è aumentata indipendentemente dallo stato della vaccinazione e includeva sia la fase acuta della reinfezione che i problemi di salute a lungo termine che si verificavano dopo che sintomi acuti come febbre e mancanza di respiro si erano attenuati.

“Quello che davvero apre gli occhi è la manifestazione a lungo termine di questa malattia. La maggior parte delle persone si riprende, ma non tutti", ha affermato il dott.Ziyad Al-Aly, autore di uno studio e assistente professore di medicina presso la Washington University School of Medicine, nonché direttore del Clinical Epidemiology Center e capo del servizio di ricerca e istruzione presso il Veterans Affairs St.Sistema Sanitario Louis.

"Ci stavamo ponendo una semplice domanda: la reinfezione è importante?"Al-Aly ha detto a Healthline. "Non stavamo confrontando la prima e la [successiva] infezione, ma ci chiedevamo se valesse la pena proteggersi da una seconda infezione".

La risposta, ha detto Al-Aly, è che "ogni volta che sei infetto, stai lanciando i dadi".

"Potresti essere stato vaccinato o avere avuto un'infezione precedente, ma ciò non elimina il rischio", ha affermato, osservando che il rischio di malattie gravi dovute alla reinfezione da COVID-19 variava da circa il 3% al 5% di tutti i casi.

"È ancora saggio e responsabile cercare di proteggersi dalla reinfezione", ha detto.

Anche il tempo può essere un fattore.

"Man mano che ci si allontana dalla vaccinazione, dai richiami e dalle infezioni precedenti, il rischio di reinfezione aumenta in modo significativo",Dott.Luis Ostrosky, uno specialista in malattie infettive presso l'UT Health Houston's Memorial Hermann Hospital in Texas, ha detto a Healthline.

Al-Aly ha riconosciuto i limiti dello studio.Hanno incluso il fatto che la popolazione VA è più anziana, più bianca, più maschile e in condizioni generali peggiori rispetto alla popolazione generale.

Tuttavia, ha osservato, l'enorme numero di persone incluse nello studio significava che nell'analisi erano incluse popolazioni significative di donne, minoranze e giovani.La ricerca futura si concentrerà sul fatto che gli stessi risultati si applichino a queste sottopopolazioni.

Guardando verso il futuro

Studi precedenti hanno indicato che i tassi di reinfezione da COVID-19 erano bassi tra le prime varianti della malattia, ma sono aumentati quando la variante altamente contagiosa di Omicron si è diffusa in tutto il mondo tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022.

I ricercatori affermano che le ultime varianti di COVID-19, come Omicron BA5, sono ancora più efficaci nell'evadere l'immunità offerta dalla vaccinazione o da infezioni precedenti.

"Ho visto pazienti che sono stati reinfettati con ogni nuova variante", ha detto Ostrosky. “Alcuni sono stati reinfettati 3, 4 e 5 volte. Stiamo vedendo persone reinfettate con le varianti B4 e B5 che sono state infettate da Omicron di recente, a marzo".

“È ancora molto chiaro che vaccinarsi aiuta a proteggere le persone dal ammalarsi gravemente di COVID-19”, ha affermato il dott.Emily E.Volk, chief medical officer presso Baptist Health Floyd in Indiana e presidente del College of American Pathologists.

"Non credo che sappiamo se c'è un effetto cumulativo dalla reinfezione",Volk ha detto a Healthline. “Ma ottenere una reinfezione da COVID-19 non è un evento privo di rischi per nessuno, compreso il rischio di effetti a lungo termine. Possiamo dirlo con fermezza".

Ostrosky ha affermato che, aneddoticamente, le persone che hanno avuto casi più lievi di COVID-19 alla prima infezione sembrano avere casi più lievi quando sono state reinfettate.Quelli con casi più gravi inizialmente tendono anche ad avere reinfezioni più difficili, forse perché la loro capacità di combattere l'infezione successiva è stata danneggiata durante il loro primo attacco con la malattia.

Tuttavia, anche una lieve reinfezione potrebbe comportare dei rischi.

"Non conosciamo gli effetti a lungo termine di infezioni multiple anche se lievi", ha affermato Ostrosky.

Volk ha detto che mentre c'è poco entusiasmo pubblico per un ritorno ai mandati delle maschere, sia lei che Ostrosky hanno raccomandato di indossare una maschera quando si è al chiuso, specialmente in spazi affollati con scarsa ventilazione, e in particolare se sei a rischio elevato o hai qualcuno nel tuo vita chi è.

"È ancora importante proteggersi, rimanere a casa quando si è malati, praticare una buona igiene delle mani e mascherarsi quando appropriato", ha affermato Volk.

Tutte le categorie: Blog