Sitemap
  • Un nuovo studio a livello nazionale si aggiunge alla crescente evidenza che un modello di dieta occidentale standard può contribuire all'insorgenza del cancro del colon-retto (CRC).
  • La ricerca suggerisce che questi alimenti poveri di nutrienti incoraggiano lo sviluppo di tumori CRC attraverso il loro effetto sul microbiota intestinale.
  • Gli scienziati hanno trovato un forte legame tra i modelli dietetici in stile occidentale e i tumori CRC contenenti quantità elevate di pks+Escherichiabatteri coli.
  • I ricercatori hanno anche scoperto un altro sottoprodotto batterico che può sopprimere la crescita del tumore CRC.

Il cancro colorettale (CRC) è qualsiasi cancro che colpisce il colon, quindi "colo" e il retto, quindi "rettale".È il terzo cancro più comune e il secondo più mortale diagnosticato negli Stati Uniti, secondo quanto affermatooltre 50.000 viteogni anno.

I ricercatori del Brigham and Women's Hospital di Boston, MA, hanno recentemente osservato che i tumori CRC con alti livelli di batteri pks + E. coli sono correlati a diete ricche di carni rosse e lavorate e calorie vuote.

Ritengono che cibi malsani possano stimolare l'attività cancerogena della colibactina, una sostanza derivata da E. coli, nell'intestino.

I loro risultati appaiono in Gastroenterologia.

Dott.Shuji Ogino, capo del programma di epidemiologia patologica molecolare nel dipartimento di patologia del Brigham and Women's Hospital, è stato l'autore corrispondente dello studio.

E. coli, colibactina e dieta

E. coli è una parte normale del microbioma intestinale.Tuttavia, alcuni ceppi di questo batterio contengono un distinto gruppo di geni noto come isola della polichetide sintasi (pks).

Questi ceppi pks+ E. coli producono colibactina, una sostanza tossicametabolitache possono danneggiare il DNA e innescare mutazioni cellulari che promuovono il CRC.

Consumo di una tipica dieta occidentale — anche talvolta chiamatauna “dieta americana”— costituito principalmente da carni rosse e lavorate, zucchero e carboidrati raffinati, può causare infiammazioni intestinali e sistemiche, precursori dei tumori del colon-retto.

Una dieta povera è anche legata a uno squilibrio del microbiota intestinale, altro fattore legato al CRC.Inoltre, studi precedenti hanno collegato E. coli e altri batteri a questo cancro.

Di conseguenza, il dott.Ogino e il suo team sospettavano che una dieta occidentale potesse indurre un rischio maggiore di tumori con quantità considerevoli di pks+ E. coli.Fino a questo punto, tuttavia, non sapevano se la correlazione della dieta con il CRC varia in base ai batteri intestinali.

Metodi e conclusioni

I ricercatori hanno esaminato due studi a livello nazionale per vedere come le diete occidentali possono influenzare l'attività dei microbi intestinali e le probabilità di occorrenza del CRC.

Lo studio sulla salute degli infermieri includeva 121.700 donne di età compresa tra 30 e 55 anni al momento dell'iscrizione nel 1976.Lo studio di follow-up sui professionisti della salute includeva 51.529 maschi di età compresa tra 40 e 75 anni al momento dell'iscrizione nel 1986.

Questi studi hanno fornito informazioni dettagliate su 30 anni di storia medica e dietetica dei suoi soggetti.Hanno presentato "un'opportunità unica per esaminare i modelli dietetici a lungo termine di individui - che non sapevano se avrebbero sviluppato il cancro o meno - in relazione all'incidenza del CRC sottoclassificata dai livelli di pks + E. coli".

I dati sono stati aggiustati per potenziali bias di selezione e fattori come l'indice di massa corporea (BMI), l'attività fisica, il consumo di tabacco e alcol e la storia familiare di CRC.

Un totale di 134.775 dei partecipanti ai due studi ha fornito informazioni dietetiche sufficienti per essere incluse in questa analisi.Tra questi, i ricercatori hanno trovato 3.200 casi di CRC.

Anche la squadraDNA estrattoda sezioni di tessuto archiviate di tumori colorettali per trovare ceppi pks+ E. coli.

C'è molto lavoro da fare

I ricercatori hanno ammesso che il loro studio presenta diverse limitazioni.

Sono necessari ulteriori studi per confermare come la dieta occidentale complessiva o alimenti specifici e pks+ E. coli possano collaborare per promuovere il CRC.

Parlando con Medical News Today, il dott.Ogino ha riconosciuto che la popolazione di ricerca era per lo più caucasica non ispanica.Tuttavia, ha citato le prove di una tendenza crescente di CRC a esordio precoce tra le altre etnie.

Dott.Ogino e altri scienziati hanno scoperto differenze sesso-specifiche nei casi di cancro colorettale pks+ E. coli, ma i meccanismi sottostanti non sono ancora chiari.

Anche gli errori di misurazione e la combinazione involontaria degli effetti dei fattori possono aver distorto alcuni risultati.

La buona controparte della colibactina

Mentre la colibactina nei tumori CRC incoraggia la crescita del cancro, alcuni ricercatori ritengono che un microbioma intestinale sano possa fermare la progressione del tumore.

Scienziati dell'Università del Michigan hanno recentemente scoperto che il metabolita reuterina, prodotto dai batteri Lactobacillus reuteri, mostra un potente potenziale antitumorale nelle linee cellulari CRC e in vivo.

Alla riunione annuale 2022 della National Comprehensive Cancer Network, il ricercatore capo Joshua Goyert, della University of Michigan Medical School Rogel Cancer Center, ha affermato che il microbioma intestinale, e in particolare la reuterina, possono "ridurre lo stress ossidativo nelle cellule CRC e inibire la proliferazione tumorale e il tumore volume in modelli in vivo.

Speranza per l'impatto

Dott.Ogino ha affermato che questo studio è tra i primi ad associare la dieta occidentale a specifici batteri che causano malattie nel cancro.

In definitiva, crede che questa ricerca dimostri come le scelte dietetiche possano aiutare a prevenire il CRC.

Dott.Ogino ha commentato con enfasi:

“Come società, generalmente non riconosciamo l'importanza della prevenzione. Piuttosto, ci pentiamo sempre dopo che sono accaduti dei danni (ad esempio, si verifica il cancro). Dobbiamo cambiare mentalità e diventare proattivi. I media sono molto entusiasti del nuovo trattamento per i malati di cancro allo stadio terminale, che potrebbe prolungare la vita per alcuni mesi. Anche se questo è importante, è molto meglio prevenire. Se potessimo prevenire il 10% dei casi di cancro del colon-retto, 150.000 nuovi casi di CRC ogni anno - negli Stati Uniti - diventerebbero 135.000 nuovi casi di CRC. Puoi vedere 15.000 persone ogni anno che non hanno bisogno di subire effetti collaterali di trattamenti o interventi chirurgici. Questo sarebbe un grande impatto”.

Tutte le categorie: Blog