Sitemap
  • Un piccolo studio ha scoperto che il cannabidiolo (CBD) ha scarso effetto sulla guida delle persone, ma sono necessarie ulteriori ricerche.
  • Milioni di americani usano il CBD per alleviare il dolore cronico, i disturbi del sonno e l'ansia.
  • Le persone possono provare sonnolenza durante l'utilizzo del CBD.

Il cannabidiolo, o CBD, ha avuto scarso effetto sulla guida o sulle capacità cognitive delle persone, secondo un nuovo studio, anche a dosi più elevate.

Questo dovrebbe offrire rassicurazione ai milioni di americani che usano questo composto di cannabis per il dolore cronico, i disturbi del sonno o l'ansia.

"Questo è un argomento molto importante, data la crescente prevalenza dell'uso di CBD da parte del pubblico per una varietà di sintomi medici e psichiatrici", ha affermato Thomas D.Marcotte, PhD, co-direttore del Center for Medicinal Cannabis Research presso l'Università della California, San Diego, che non è stato coinvolto nello studio.

Gli autori dello studio avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche e che il loro studio si è concentrato sul CBD in isolamento, quindi le persone che assumono altri farmaci insieme al CBD dovrebbero guidare con cautela.

"Sebbene il CBD sia generalmente considerato 'non inebriante', i suoi effetti sulle attività sensibili alla sicurezza sono ancora in fase di definizione", ha affermato l'autrice dello studio Danielle McCartney, PhD, ricercatrice presso la Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics dell'Università di Sydney, in un comunicato stampa . "Il nostro studio è il primo a confermare che, se consumato da solo, il CBD è sicuro per il conducente".

Lo studio si concentra sull'olio di CBD e su dosi più elevate

A differenza del THC, il principale composto psicoattivo della cannabis che produce la sensazione di "sballo", il CBD non sembra avere lo stesso effetto sulle persone.

Tuttavia, solo un precedentestudia, sempre da ricercatori dell'Università di Sydney, ha studiato direttamente l'effetto del CBD sulle prestazioni di guida.

I ricercatori hanno scoperto che il CBD non aumenta il numero di persone che si intrecciano o vanno alla deriva nei test eseguiti su un simulatore di guida, una misura standardizzata dell'abilità di guida.

Questo studio precedente utilizzava cannabis vaporizzata contenente CBD.Il CBD viene più comunemente ingerito per via orale sotto forma di oli, capsule o edibili.

Nel nuovo piccolo studio, pubblicato il 30 maggio sul Journal of Psychopharmacology, i ricercatori hanno somministrato CBD in olio a 17 persone, in una delle tre dosi (15, 300 o 1.500 milligrammi) o un placebo inattivo.

La maggior parte degli studi sugli effetti benefici del CBD utilizza dosi fino a 1.500 milligrammi.

Prima e diverse volte dopo l'assunzione di CBD o placebo, fino a 3,5-4 ore, i partecipanti hanno completato le attività su un simulatore di guida.

Ciò includeva seguire in sicurezza un'altra macchina e guidare lungo autostrade e strade rurali.I ricercatori hanno utilizzato questi test per misurare quanto bene le persone potessero controllare l'auto simulata.

I partecipanti hanno anche effettuato diversi test computerizzati che hanno misurato la loro funzione cognitiva, il deterioramento indotto da farmaci e il tempo di reazione.

Inoltre, hanno riferito della loro esperienza soggettiva, ad esempio se si sentivano "lapidati", "sedati", "vigili", "ansiosi" o "assonnati".

Ogni persona ha completato il test quattro volte - per le tre diverse dosi più il placebo - con almeno sette giorni tra ogni sessione.

Sono necessarie ulteriori ricerche sul CBD e sulla guida

Nessuna delle dosi di CBD sembrava compromettere la capacità di guida o le prestazioni cognitive dei partecipanti o indurre sentimenti di intossicazione, hanno scoperto i ricercatori.

Inoltre, la variazione media di quanto le persone si intrecciavano o andavano alla deriva era inferiore a quella osservata con l'intossicazione da altre droghe in un altrostudia, hanno detto i ricercatori.Era anche più piccolo rispetto al CBD precedente e allo studio di guida.

"Questo è uno studio ben fatto che si aggiunge a una letteratura in evoluzione secondo cui è improbabile che il CBD da solo comprometta cognitivamente o influisca negativamente sulle prestazioni di guida", ha affermato il dott.Marcotte, «anche se i dati su quest'ultimo restano scarsi».

Nel decidere se i conducenti con problemi di CBD, i ricercatori hanno esaminato specificamente se l'impatto del CBD fosse maggiore di quello che si verifica a una concentrazione di alcol nel sangue (BAC) dello 0,05%.

Nelle misure che hanno esaminato, non lo era.

Tim Brown, PhD, direttore della ricerca sulla guida ai farmaci presso il National Advanced Driving Simulator presso l'Università dell'Iowa, ha affermato che mentre il BAC è un utile confronto, alcuni problemi di guida si verificano allo 0,05%.

E in alcuni paesi, questo è il limite legale, mentre, nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti, è più alto: lo 0,08%.

"Quindi non essere peggio di quel livello [0,05 percento] non significa 'sicuro'"Dott.ha detto Brown.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che assumevano 300 o 1.500 milligrammi riportavano anche livelli di ansia inferiori rispetto a coloro che assumevano 15 milligrammi di CBD o il placebo.Questo si adatta ad altriricercaguardando i benefici anti-ansia del CBD.

A causa delle restrizioni COVID-19 in vigore durante lo studio, i ricercatori non sono stati in grado di reclutare tutte le persone che avevano originariamente previsto.

Di conseguenza, non sono stati in grado di determinare l'impatto del CBD sulla parte "auto che segue" del primo test di guida simulato, che si è verificato da 45 a 75 minuti dopo che le persone hanno assunto CBD.

Brown ha affermato che sebbene lo studio suggerisca scarsi effetti del CBD sulla guida, i risultati dovrebbero essere visti con cautela.

La maggior parte dei partecipanti non erano consumatori abituali di cannabis o CBD, ha affermato, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per sapere se l'uso di CBD a lungo termine o l'uso di CBD insieme ad altri farmaci influiscono sulla capacità di guida.

Marcotte ha affermato che gli studi futuri dovrebbero considerare anche i conducenti che assumono CBD per sintomi medici o psichiatrici, compresi gli anziani.

Inoltre, mentre la capacità di rimanere nella propria corsia durante la guida è una "buona misura di sicurezza provvisoria",Brown ha affermato che i risultati non escludono l'impatto del CBD su altri aspetti della guida.

"I farmaci potrebbero avere scarsi effetti o addirittura migliorare il mantenimento della corsia, ma comportano comunque tempi di reazione ritardati agli eventi critici", ha affermato.

Ad esempio, se uno stimolante migliora la concentrazione, un guidatore potrebbe essere così concentrato su ciò che sta accadendo davanti a lui da perdere - e ritardare a rispondere - ciò che sta accadendo nella sua periferia, come un bambino che corre per strada.

Brown ha detto che ci sono anche segni che le persone nello studio che assumono CBD potrebbero aver guidato più lentamente, il che può mascherare gli effetti del farmaco su quanto una persona si intreccia o si sposta.

Attenzione all'uso di CBD durante la guida

Sebbene il nuovo studio suggerisca che è improbabile che il CBD comprometta la guida in caso di intossicazione, alcune persone che assumono CBD possono farloprovare sonnolenza, che potrebbero influire sulla loro capacità di guida.

Il CBD può anche potenzialmente interagire con altri farmaci, inclusi antidolorifici, antidepressivi, farmaci per le convulsioni e farmaci per il diabete.

I conducenti dovrebbero anche fare attenzione a quali prodotti CBD usano perché alcuni possono contenere altri componenti della cannabis.

"Nei mercati scarsamente regolamentati, è importante che gli utenti siano consapevoli del fatto che la purezza dei prodotti CBD non è sempre chiara e che il THC (che può compromettere la guida) potrebbe essere presente in alcuni prodotti",ha detto Marcotte.

Tutte le categorie: Blog