Sitemap
  • Un nuovo rapporto rileva che l'alcol e la cannabis sono i motivi più comuni per cui le persone perseguono un trattamento per abuso di sostanze.
  • Il rapporto del CDC includeva i dati di 399 centri di trattamento in 37 stati.
  • L'alcol è stata la sostanza abusata più comunemente segnalata negli ultimi 30 giorni, seguita dall'abuso di cannabis e oppioidi soggetti a prescrizione.

Un recente Centers for Disease Control and Prevention (CDC)Report Settimanale Morbilità e Mortalitài risultati più frequentemente riportati tra gli adulti statunitensi valutati per il trattamento dell'uso di sostanze nel 2019, alcol, cannabis, uso di "sostanze multiple" e problemi gravi associati.

L'agenzia rileva che nel 2019, quasi 66 milioni di adulti statunitensi hanno riferito di aver bevuto quattro o più drink in 2 ore nell'ultimo mese e circa 36 milioni hanno segnalato l'uso improprio di droghe o antidolorifici soggetti a prescrizione durante l'ultimo mese.

"Coloro che hanno problemi di uso di sostanze hanno maggiori probabilità di affrontare fattori scatenanti più intensi e più frequenti per i loro tentativi di rimanere sobri",Moe Gelbart, PhD, Direttore, Behavioral Health, Torrance Memorial Medical Center, ha detto a Healthline.

"Con l'aggravarsi della crisi di salute mentale nel nostro paese, l'automedicazione con alcol o sostanze è spesso un meccanismo comune per farvi fronte",Dott.ha detto Gelbart.

Dati raccolti in 37 stati

Il rapporto del CDC includeva i dati di 399 centri di trattamento in 37 stati.I centri erano principalmente centri per il trattamento dell'uso di sostanze, ma i dati sono stati raccolti da altri siti, inclusi centri di guida in stato di ebbrezza, uffici di libertà vigilata o qualsiasi sito che utilizza lo strumento ASI-MV che ha accettato di condividere le informazioni.

Tra i 49.138 adulti valutati per la pianificazione del trattamento dell'uso di sostanze, il 63,4% erano maschi.Circa il 66% erano bianchi non ispanici.Circa il 67 per cento si trovava nelle aree metropolitane.

Secondo il CDC, il 45,4% degli adulti valutati ha riportato problemi più gravi con la droga, seguiti da problemi che coinvolgono problemi psichiatrici, legali, medici, occupazionali, alcolici e familiari.

Gli esperti affermano che la pandemia ha solo peggiorato le cose.

"L'abuso di polisostanza non è insolito tra coloro che soffrono di dipendenza, ma dalla pandemia è sicuramente diventato più diffuso", ha affermato Lawrence Weinstein, MD, chief medical officer presso gli American Addiction Centers. “Per molti, i loro farmaci tipici preferiti potrebbero non essere stati così facilmente accessibili, specialmente durante le prime fasi della pandemia.

Alcol e cannabis più comunemente segnalati

L'alcol è stata la sostanza più comunemente utilizzata negli ultimi 30 giorni, seguita dall'abuso di cannabis e oppioidi soggetti a prescrizione.

Eugene Vortsman, D.O., direttore clinico della medicina delle dipendenze e della gestione delle malattie e presidente del comitato del dolore per il Long Island Jewish Medical Center, ha affermato che la cannabis è diventata una forma prevalente di abuso di droghe negli Stati Uniti per molteplici ragioni.

"Alcuni dei quali sono dovuti alla sua disponibilità e allo spostamento di opinioni sull'adeguatezza del suo utilizzo",Dott.disse Vortsman. "'Partecipare' alla cannabis è diventato mainstream e la cannabis è a malapena considerata una droga illecita dai giovani di oggi".

Secondo Vortsman, il consumo frequente di cannabis è fortemente associato a problemi di salute mentale.Questi includono depressione, ansia e tendenze suicide, nonché "esacerbazioni psicotiche".

"Sebbene non sia una correlazione diretta, la frequenza di queste comorbidità è innegabile", ha affermato. "Inoltre, soprattutto nella fascia di età inferiore ai 25 anni, l'uso frequente di cannabis è associato a un QI più basso. che ha dimostrato di essere irreversibile”.

Vortsman ha sottolineato che l'inalazione è ancora il modo più comune di usare la cannabis e può portare a complicazioni simili a quelle delle sigarette, tra cui:

  • Asma in peggioramento
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva
  • Cancro alla bocca o alla gola

"Questa correlazione è spesso trascurata nei consumatori di cannabis in generale", ha affermato.

Le donne hanno riportato problemi più gravi ad eccezione dell'alcol

Rispetto agli uomini, le donne valutate hanno riportato problemi più gravi per tutti i domini tranne l'alcol.

Gli adulti di età compresa tra i 25 ei 34 anni hanno riportato problemi più gravi con la droga, mentre quelli tra i 55 ei 64 anni hanno riportato problemi maggiori con l'alcol.

Quasi il 70 per cento degli adulti disoccupati ha avuto maggiori problemi di droga e gli adulti in pensione o disabili hanno avuto problemi psichiatrici e medici più gravi.

“Il disturbo da uso di sostanze e le condizioni di salute mentale sono spesso malattie concomitanti; circa la metà di quelli con una grave condizione di salute mentale sperimenta l'uso di sostanze",Dott.ha detto Weinstein.

L'epidemia di oppioidi

SecondoCentro per la prevenzione e il controllo delle malattiedati provvisori, i decessi per overdose, anche da oppioidi, hanno finora superato i 100.000 nel 2022.Tuttavia, il rapporto del CDC ha esaminato solo i dati del 2019 e non ha considerato i cambiamenti avvenuti dall'inizio della pandemia di COVID-19.

"La crisi degli oppioidi, alimentata da anni di prescrizione di farmaci antidolorifici impropri, ha portato molti a cercare farmaci sostitutivi più economici e disponibili, cioè senza prescrizione medica, come l'eroina, che a sua volta ha portato a un aumento significativo dei decessi per overdose", ha affermato Gelbart.

Secondo Weinstein, la proliferazione del fentanil ha costantemente peggiorato la crisi del sovradosaggio anno dopo anno.

“Sempre più sostanze vengono adulterate con il fentanil, come dimostrano i dati più recenti: nel 2021 si sono verificati oltre 10.000 decessi per overdose da oppiacei in più rispetto all'anno precedente e anche la presenza del fentanil in altre sostanze come cocaina e metanfetamina è in aumento ," Egli ha detto.

Gli sforzi per affrontare l'epidemia di oppioidi hanno creato una "crisi del dolore"

Vortsman ha affermato che mentre le prescrizioni di oppioidi sono state ridotte di oltre il 50%, "non siamo stati in grado di aumentare i servizi per il dolore del 50%, il che ha portato a una vera crisi del dolore".

"I nostri pazienti sono bloccati con scelte limitate e questo può portare a decisioni spiacevoli con sostanze illecite", ha spiegato.

Secondo Vortsman, la società deve spostare l'attenzione dalla criminalizzazione dell'uso di droghe associato alla dipendenza al fornire un migliore accesso a tecniche efficaci di riduzione del danno e servizi per la dipendenza migliori.

La linea di fondo

Il CDC ha riferito che le tendenze del 2019 nel trattamento dell'uso di sostanze mostrano che alcol e cannabis sono state le due principali droghe per cui le persone hanno cercato un trattamento.

Gli esperti affermano che c'è una crisi di salute mentale negli Stati Uniti e l'"automedicazione" è un meccanismo comune per far fronte.

Dicono anche che gli sforzi per affrontare la crisi degli oppioidi hanno creato una "crisi dolorosa", costringendo i pazienti con scelte limitate a rivolgersi all'uso illecito di droghe per sollievo.

Tutte le categorie: Blog