Sitemap
Condividi su Pinterest
Gli esperti affermano che anche un caso lieve di COVID-19 può trasformarsi in un lungo COVID.Stefan Tomic/Getty Images
  • Un nuovo studio riporta che il 75% delle persone con COVID lungo non è stato inizialmente ricoverato in ospedale.
  • Un altro studio stima che 1 persona su 5 di età compresa tra 18 e 64 anni svilupperà condizioni post-COVID con quella percentuale che sale a 1 su 4 per le persone di età superiore ai 65 anni.
  • Un altro studio riporta anche che le vaccinazioni possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un lungo COVID.

Circa il 75% delle persone che hanno sofferto a lungo di COVID non sono state ricoverate in ospedale con la loro malattia iniziale da COVID-19.

Una nuova analisi suggerisce che anche le persone con casi di COVID-19 lievi o moderati che non hanno richiesto il ricovero in ospedale possono ancora sviluppare COVID-19 a lungo.

“Sappiamo che le persone che hanno una lunga malattia da COVID possono avere una grave infezione, possono essere ricoverate in ospedale o possono anche avere infezioni asintomatiche. Quindi, non sorprende che così tante persone con COVID-19 da tempo non siano state ricoverate in ospedale, soprattutto se si considera che la stragrande maggioranza delle persone con COVID-19 non è ricoverata ".Dott.Dean Blumberg, capo delle malattie infettive pediatriche presso l'Università della California Davis, ha detto a Healthline.

L'analisi ha utilizzato i dati di un registro delle richieste di assistenza sanitaria privata di 78.525 persone.

Ai partecipanti è stato diagnosticato un lungo COVID tra ottobre 2021 e gennaio 2022.L'analisi ha mostrato una differenza tra uomini e donne.Circa l'81% dei soggetti di sesso femminile non è stato ricoverato in ospedale rispetto al 67% dei maschi.

Quelle di età compresa tra 36 e 50 anni avevano maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di una condizione post-COVID, con le donne più probabili degli uomini.

I sintomi lunghi di COVID più comunemente riportati sono stati anomalie della respirazione, tosse e malessere e affaticamento.

L'analisi arriva quando gli Stati UnitiI centri per il controllo e la prevenzione delle malattie rilasciati astudioche ha rilevato che 1 persona su 5 di età compresa tra 18 e 64 anni svilupperà condizioni post-COVID, con quel numero che sale a 1 su 4 per le persone di età superiore ai 65 anni.

Le condizioni potenzialmente gravi includono condizioni respiratorie, insufficienza renale, condizioni cardiovascolari, coaguli di sangue e condizioni neurologiche.

Blumberg afferma che i sintomi di un lungo COVID possono variare tra le persone e possono essere influenzati dai sintomi che una persona ha sperimentato nella sua malattia iniziale di COVID-19.

"Alcune persone hanno, ad esempio, fibrosi polmonare, infiammazione del polmone che si traduce in una diminuzione della capacità respiratoria e di ossigeno e questo causerà più affaticamento", ha detto. "E altre persone non lo avranno, avranno altri sintomi come la perdita del gusto e dell'olfatto che è prolungata. E poi le altre persone avranno una nebbia cerebrale, una vera difficoltà di concentrazione. Quindi dipende davvero solo dalle manifestazioni che si verificano in ogni individuo".

La vaccinazione aiuta?

Un recentestudiocon sede nel Regno Unito, ha scoperto che vaccinarsi dopo un test positivo al COVID-19 può ridurre il rischio di un lungo COVID.

I ricercatori hanno esaminato i dati di 28.000 persone di età compresa tra 18 e 69 anni a cui è stata somministrata almeno una dose di vaccinazione dopo essere risultate positive al COVID-19.

I ricercatori hanno scoperto che i lunghi sintomi di COVID sono stati segnalati nel 24% delle persone almeno una volta durante il periodo di follow-up di sette mesi.

Una prima dose di vaccino contro il COVID-19 è stata associata a una diminuzione del 13% del rischio di ammalarsi inizialmente di COVID-19, mentre una seconda dose è stata associata a un'ulteriore diminuzione del 9%.

Dott.William Schaffner, esperto di malattie infettive presso la Vanderbilt University nel Tennessee, afferma che i risultati dello studio sono promettenti.

"Sappiamo che le persone che si sono riprese da COVID-19 e successivamente si sono vaccinate avevano livelli molto alti di anticorpi contro il virus", ha detto a Healthline. “Questo è un segnale di speranza e incoraggia i professionisti della salute pubblica a continuare a sostenere per persuadere le persone ad essere aggiornate nelle loro vaccinazioni, indipendentemente dal fatto che abbiano avuto o meno una vera malattia COVID-19 in passato”.

Evitare il COVID-19

Quando si tratta di evitare il COVID a lungo, Schaffner afferma che la cosa migliore da fare è evitare di essere infettati in primo luogo.

Se si verifica un test positivo, dice che è importante prendersi il tempo per riprendersi correttamente.

"Cerca di prevenire il verificarsi di un'altra infezione, in particolare se sei una persona più incline ad avere malattie gravi. Continua a indossare la mascherina, evitando se possibile i gruppi numerosi”,ha detto Schaffner.

“Prestare attenzione alla tua malattia, non cercare di allungarti troppo. Ascolta il tuo corpo e fai il livello di esercizio e lavoro di cui sai che il tuo corpo è capace. Ma non andare oltre", ha aggiunto.

Tutte le categorie: Blog