Sitemap
Condividi su Pinterest
I primi studi suggeriscono che due candidati contraccettivi maschili sono efficaci.Credito immagine: Erika Astrid/Stocksy.
  • L'alto tasso di fallimento dei preservativi e l'inaffidabilità delle inversioni della vasectomia evidenziano la necessità di contraccettivi maschili efficaci e facili da usare.
  • I risultati dei recenti studi clinici di fase 1 suggeriscono che due pillole contraccettive maschili candidate - DMAU e 11 beta-MNTDC - sono sicure e ben tollerate.
  • Un'ulteriore analisi dei dati di questi studi suggerisce che queste pillole contraccettive producono la desiderata diminuzione degli ormoni che stimolano la produzione di sperma.
  • L'analisi rivela anche che gli individui che utilizzano questi nuovi composti hanno mostrato una maggiore disponibilità a utilizzare questi farmaci rispetto al placebo, suggerendo che questi farmaci potrebbero essere promettenti come agenti contraccettivi orali.

Uno studio presentato alla recente conferenza annuale della Endocrine Society ad Atlanta, GA, riporta che due candidati contraccettivi orali maschili erano efficaci nel sopprimere gli ormoni necessari per la produzione di sperma e hanno ricevuto una risposta favorevole dalla maggior parte degli utenti.

Questi nuovi composti sintetici dimethandrolone undecanoato (DMAU) o 11 beta-metil-19-nortestosterone-17 beta-dodecilcarbonato (MNTDC) hanno proprietà che per lo più assomiglianoandrogenima sono anche simili in misura minore al progesterone.

L'autore principale, Tamar Jacobsohn, un candidato in medicina presso la New York University, ha dichiarato a Medical News Today che "[ulteriori] ricerche su questa nuova classe di profarmaci, gli androgeni progestinici, possono portare al primo agente singolo, la pillola contraccettiva ormonale - o addirittura la prima pillola contraccettiva maschile in generale”.

Questi farmaci possono anche aiutare a curare l'ipogonadismo, ha aggiunto Jacobsohn.

Necessità di contraccettivi maschili

Stimesulla base dei dati del 2011 suggeriscono che circa il 45% delle gravidanze negli Stati Uniti sono non intenzionali, con il 42% di tali gravidanze non intenzionali che portano ad aborti.Inoltre, l'onere della responsabilità per la prevenzione delle gravidanze è a carico delle donne in modo non uniforme.Pertanto, vi è la necessità di efficaci agenti contraccettivi maschili.

Attualmente, i contraccettivi maschili più comunemente usati includono preservativi e vasectomia.Tuttavia, i preservativi lo sonoassociatocon un alto tasso di fallimento, e molti uomini lo sonopreoccupatocirca ottenere vasectomia.

Inoltre, gli effetti della vasectomia non sono completamente reversibili.Pertanto, sono necessari contraccettivi maschili efficaci, reversibili e facili da usare.

"Lo sviluppo di prodotti contraccettivi per gli uomini aumenterà le opzioni disponibili per gli uomini e consentirà a molte donne di avere più opzioni per condividere il carico contraccettivo",ha detto Jacobsohn.

Contraccettivi ormonali maschili

L'ipotalamo è una piccola regione del cervello che regola il rilascio di vari ormoni dalla ghiandola pituitaria.Ad esempio, l'ipotalamo controlla il rilascio digonadotropinaormoni della ghiandola pituitaria.

Queste gonadotropine stimolano i testicoli, con conseguente rilascio dell'ormone sessuale maschile testosterone e produzione di sperma.Il testosterone, a sua volta, agisce sull'ipotalamo e sulla ghiandola pituitaria per prevenire la produzione eccessiva di gonadotropine, aiutando così a mantenere i livelli di testosterone entro un range normale.

Sfruttando questo meccanismo di feedback negativo, i ricercatori hanno dimostrato che la somministrazione di androgeni, che includono il testosterone e altri ormoni sessuali maschili naturali e sintetici, può avere effetti contraccettivi.Ad esempio, la somministrazione di testosterone può bloccare la produzione di gonadotropine e successivamente inibire sia la produzione di testosterone che di sperma da parte dei testicoli.

Oltre a sopprimere la produzione di sperma, questi androgeni aiutano anche a mantenere sani muscoli, ossa e processi fisiologici, compresi quelli responsabili della funzione sessuale, che dipendono dal testosterone.

Tuttavia, sono necessarie alte dosi di testosterone per produrre l'inibizione desiderata della produzione di sperma.I ricercatori hanno dimostrato che il testosterone in combinazione con il progestinico, una forma sintetica di progesterone, ha una migliore capacità di sopprimere la produzione di sperma rispetto al solo testosterone.Eppure anche questi farmaci devono essere assunti 2-3 volte al giorno per raggiungere i livelli desiderati di inibizione della produzione di sperma.

prof.Robert McLachlan, un endocrinologo riproduttivo presso la Monash University, ha spiegato che "il problema è che tutte le molecole di testosterone spesso non sono ben assorbite o scomposte nel corpo per essere inefficaci e non fornire un'adeguata terapia sostitutiva".

Ciò evidenzia la necessità di migliori contraccettivi orali maschili.Due candidati contraccettivi ormonali maschili orali - DMAU e 11 beta-MNTDC - hanno mostrato risultati promettenti negli studi sugli animali.Inoltre, recenti studi clinici randomizzati di fase 1 controllati con placebo lo hanno dimostratoDMAUe11 beta-MNTDCsono sicuri e ben tollerati.

Questi farmaci esistono nella loro forma inattiva e vengono lentamente scomposti nella loro forma attiva nell'arco di 24 ore, consentendo un unico programma di dosaggio giornaliero.

Accettabilità dei nuovi composti

Utilizzando i dati di questi studi di fase 1, i ricercatori hanno valutato l'accettabilità di questi farmaci, che è una misura della volontà e della capacità del paziente di utilizzare il medicinale come previsto.L'accettabilità di un farmaco è importante per garantire l'aderenza al corso di trattamento raccomandato.

I ricercatori hanno combinato i dati del DMAU e di 11 gruppi di trattamento con beta-MNTDC degli studi di fase 1 a causa del loro meccanismo d'azione simile.

I partecipanti hanno ricevuto 2 (200 milligrammi) o 4 (400 milligrammi) pillole di DMAU o 11 beta-MNTDC al giorno per 28 giorni e i loro livelli sierici di testosterone sono stati monitorati ogni 24 ore.

I ricercatori hanno scoperto che l'uso di 2 o 4 pillole di uno dei due farmaci ha portato a livelli sierici di testosterone più bassi rispetto al placebo a 7 giorni dopo l'inizio del trattamento e questi livelli di testosterone soppressi sono stati mantenuti fino alla fine dello studio.

Un numero maggiore di partecipanti che utilizzavano questi agenti contraccettivi era disposto a utilizzare questi farmaci in futuro rispetto al gruppo placebo.Sebbene gli individui che usano 4 pillole abbiano mostrato livelli di testosterone più bassi rispetto a quelli che usano 2 pillole, entrambi i gruppi hanno riportato livelli simili di soddisfazione generale e volontà di usare questi potenziali agenti contraccettivi o raccomandarli ad altri uomini.

Dott.Christina Wang, endocrinologa dell'Università della California a Los Angeles, ha commentato questo studio, dicendo:

“Utilizzando questi nuovi composti nonostante l'abbassamento dei livelli sierici di testosterone a livelli molto bassi, i partecipanti non si sono lamentati dei sintomi della carenza di testosterone. Ciò suggerisce che entrambi i composti sono molto androgeni e dobbiamo dimostrare in studi a lungo termine che i composti sopprimono la spermatogenesi”.

Il Dr.McLachlan ha anche osservato: “Sono incoraggiato a vedere che queste molecole forniscono sia la soppressione gonadotropica che mantengono anche gli effetti apparenti sui volontari per un periodo di un mese. Quindi queste due molecole sono certamente dei prototipi per un ulteriore sviluppo per tutte le formulazioni. C'è ancora molto lavoro da svolgere, in termini di stabilire la dose corretta, quando c'è variabilità individuale nella risposta ed eventuali effetti collaterali".

I ricercatori intendono studiare ulteriormente questi due composti negli studi clinici di fase 2.

Tutte le categorie: Blog